Patate pasticciate al forno

Patate pasticciate al forno
Patate pasticciate al forno

Ingredienti per 4 persone:

  • 1kg di patate ( possibilmente tutte della stessa dimensione ), sale, 30g di burro, 200g di caciocavallo ( o parmigiano) grattugiato, mezzo litro di panna, 1 uovo, 1 ciuffo di prezzemolo, 1 cipolla.

Preparazione:

  • Lavate accuratamente le patate sotto l’acqua corrente; poi immergetele in una casseruola piena d’acqua salata e fate cuocere per circa 15 minuti.
  • Quindi scolatele, pelatele e tagliatele a fette regolari non troppo sottili. Ora imburrate una pirofila, possibilmente ovale, e fate sul fondo un primo strato di patate, salandolo leggermente e cospargendolo con abbondante caciocavallo.
  • Fate altri strati, fino ad esaurimento delle patate, salando sempre ogni strato e spolverizzando di caciocavallo ( tenete da parte due buone manciate di formaggio ).
  • Versate la panna in una terrina e unitevi l’uovo, una presina di sale e una manciatina di prezzemolo tritato molto finemente.
  • Aggiungete anche la cipolla tritata grossolanamente.Versate la salsa sulle patate, distribuendola uniformemente con l’aiuto di un mestolo, quindi cospargetene la superficie con il caciocavallo tenuto da parte.Introducete la pirofila in forno, a calore medio, e fate cuocere per circa 40 minuti.
  • Trascorso questo tempo, le patate risulteranno ben tenere e avvolte da una densa crema. Servite nel recipiente stesso di cottura.
  • Note:
  • La patata è un grosso tubero ricco di amido che nel mese di giugno raggiunge la piena maturazione. È ampiamente coltivata. In base alla caratteristica della polpa si possono convenzionalmente riconoscere  almeno due tipi di patata: a pasta gialla, detta anche “cerosa”, talvolta a buccia rossa, adatta alle lunghe cotture; a pasta bianca , o farinosa, che si sfalda più facilmente della prima. Rappresentano invece una curiosità le patate dette “tartufo”(violette noire), dotate di sottile aroma di nocciola.
  • Acquisto: tutte le varietà di patata non devono presentare germogli, che sono tossici, né parti colorate di verde, che comunque andrebbero eliminate.
  • Impiego: la patata a pasta gialla si taglia a grossi dadi e si uniscono a spezzatini di carne come goulash. Sono inoltre ingredienti di minestre che prevedono una lunga cottura. Sono quelle da scegliere per la preparazione in insalata, servite fredde condite con aglio, prezzemolo, olio e aceto, oppure in insalata russa. Le patate farinose si utilizzano per la preparazione di creme di verdura cui forniscono cremosità (potage Parmentier) e di purè. Sono le più adatte per gli gnocchi, in quanto richiedono l’aggiunta di poca farina. Tutte le patate si possono friggere; è consigliabile però metterle a bagno, dopo averle affettate, quindi asciugarle bene per eliminare l’amido che non permette la formazione dell’irrinunciabile crosticina. Le patate si sbucciano prima di cuocerle, a meno che non si preparino intere bollite, al forno o cotte sotto la cenere. Rappresentano la farcia di tortelli di varie regioni, come i culurgiones sardi.
  • Nota nutrizionale: le patate contengono proteine, aminoacidi, potassio, solanina (un alcaloide tipico di questo ortaggio) e vitamina B. hanno azione ipotensiva e alcalinizzante, e pertanto contrastano la gastrite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *