Pesche sciroppate

Pesche sciroppate
Pesche sciroppate

Ingredienti:

  • 3 kg di pesche a pasta gialla, 800 gr. di zucchero semolato, 1 l d’acqua.

Preparazione:

  • Scegliete delle belle pesche grandi e tuffatele nell’acqua bollente per circa un minuto, il tempo necessario per sbucciarle facilmente.
  • Una volta pelate, tagliatele a metà ed eliminate i noccioli.Fate poi uno sciroppo sciogliendo lo zucchero nell’acqua e cucinate fino a quando è diventato trasparente e, facendone cadere un po’ su di un piatto forma una goccia larga, ci vorranno circa 10 minuti.
  • Toglietelo dal fuoco e fatelo raffreddare.Mettete ora le pesche in larghi vasi di vetroperfettamente puliti e ricopriteli con lo sciroppo raffreddato.
  • Chiudeteli, metteteli in un pentolone pieno d’acqua e fateli bollire, piano piano, per circa 20 minuti. Passato questo tempo, spegnete il fuoco e togliete i vasi appena saranno freddi. Conservate in luogo asciutto e buio fino al momento dell’uso.
  • Note:
  • La pesca è un frutto succoso dotato di buccia vellutata o liscia, di sapore piacevolmente dolce. In base alle caratteristiche della polpa e della buccia si riconoscono due varietà: comuni e nettarine. Quelle comuni hanno buccia vellutata e si suddividono in pesche a polpa bianca e polpa gialla. Le prime sono molto ricche di succo, profumate, tenere e dolci. Le seconde meno succose, ma più sode. Le nettarine, chiamate anche pesche noce, hanno buccia liscia come quella delle prugne, polpa soda, dolce, più simile a quella dei frutti a polpa gialla. Infine si definiscono spiccagnole le pesche che, dividendole in due, si separano facilmente dal nocciolo grazie alla fusione delle parti di polpa intessute con il nocciolo. Vanno inoltre ricordate varietà di pesche recentemente comparse  sul mercato e provenienti dalla Sicilia, ossia le tabacchiere o saturnine, dalla caratteristica forma schiacciata che ricorda appunto una tabacchiera, dotate di polpa bianca molto dolce e di nocciolo piccolo.
  • Acquisto: vanno scelte di colore vivo che può presentare sfumature gialle, aranciate e rosse più o meno scure, ma non tendenti al verde, e neppure devono essere molto chiare. Al tatto saranno sode, ma morbide, soprattutto quelle a polpa gialla, e devono essere intensamente profumate.
  • Nota nutrizionale: la pesca è ricca di vitamina A, che è un antiossidante, soprattutto se a polpa gialla. Contiene inoltre potassio e fluoro. È consigliata a chi soffre di malattie epatiche e in caso di astenia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *