Panelle

Le panelle, frittelle di farina di ceci, sono una delle specialità gastronomiche “da strada” Palermitane. Preparate con farina di ceci, acqua e sale e l’eventuale aggiunta di prezzemolo, le panelle solitamente si mangiano in mezzo a panini con sesamo, rotondi e morbidi, spesso accompagnate con crocchè di patate alla menta (chiamate in siciliano “cazzilli”) o con altre specialità fritte in pastella. Prerogativa del territorio, le panelle rappresentano il caratteristico spuntino del palermitano. Si possono acquistare in una serie infinita di “friggitorie”, anche ambulanti, sulle strade di grande traffico, nei quartieri popolari o residenziali, nei quartieri nuovi, nel centro storico.

panelle
panelle

panelle

panelle

panelle
panelle

Ingredienti:

  • 500 g di farina di ceci, 1,5 l. acqua, prezzemolo q.b., Sale q.b., Pepe q.b., olio di semi per friggere.

Preparazione:

  • mettete l’acqua fredda in un tegame. Versate a pioggia la farina in un setaccio e incorporatela poca per volta mescolando continuamente con una frusta fino a farla incorporare all’acqua ed evitare che si formino grumi.
  • Alla fine dovrete ottenere una pastella liscia e molto liquida.
  • Mettete il tegame sul fuoco a fiamma media e girate di continuo con un cucchiaio di legno, salate, pepate e unite il prezzemolo tritato finemente.
  • Dal momento del bollore, quando inizieranno a formarsi le primi bolle cuocete ancora per 13-15 minuti finché l’impasto non sarà diventato compatto e sodo.
  • Per regolarvi l’impasto sarà pronto quando si sarà staccato dalle pareti della pentola, a questo punto è pronto per metterlo in uno stampo. Inumidite uno stampo quadrato, versate il composto ancora caldo e livellate la superficie con il dorso di un cucchiaio inumidito con semplice acqua.
  • In alternativa per formare le panelle, potete utilizzare anche una teglia per plumcake, o se avete a disposizione una base di marmo rovesciate il composto e livellatelo con una spatola.
  • Appena l’impasto si sarà raffreddato capovolgete lo stampo su un tagliere e cominciate ad affettare le panelle, decidete voi se fare panelle sottili o più spesse secondo i vostri gusti personali.
  • Versate in una larga padella abbondante olio di semi, appena sarà diventato ben caldo friggetevi le panelle, poche per volta per non abbassare eccessivamente la temperatura dell’olio.
  • Cuocetele per circa 2-3 minuti per lato fino a quando non saranno ben dorare, poi, sgocciolatele e adagiatele su carta da cucina per eliminare l’unto in eccesso.
  • A Palermo sono un comune cibo di strada e si mangiano ben calde, in mezzo a panini con sesamo, rotondi e soffici, o dentro a dei panini all’olio chiamati “sempre freschi”, morbidi e con la superficie croccante e friabile, e di condirle con una spruzzata di sale e qualche goccia di limone! insomma, una vera prelibatezza.
  • Ottime anche da servire come antipasto caldo, accompagnate da un buon bicchiere di vino bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *