Marmellata di fichi d’India

La marmellata di fichi d’India, una conserva straordinaria, tipicamente siciliana. Una marmellata dalla preparazione semplice e dal gusto particolare, ideale da spalmare sul pane o sulle fette biscottate per una buona e sana prima colazione o merenda. Ottima per farcire crostate e dolci.

marmellata di fichi d'india
marmellata di fichi d’india

fichi d'India
fichi d’India

Marmellata di fichi d'India
Marmellata di fichi d’India

Ingredienti:

  • 3kg di fichi d’india, 1 limone non trattato, 600gr di zucchero semolato, 250ml d’acqua.

Preparazione:

  • pulite i fichi d’india, metteteli in una casseruola insieme all’acqua e alla scorza del limone, mettete al fuoco e cuocete mescolando per qualche minuto.
  • Togliete dal fuoco e passate i fichi d’india al setaccio, rimettete la purea sul fuoco, unite lo zucchero, mescolate e schiumate, fate cuocere per circa 30 minuti o fino a quando la prova del piattino sarà positiva, togliete dal fuoco e unitevi il succo del limone.
  • Versate subito la marmellata nei vasi caldi, chiudeteli ermeticamente, capovolgete i vasetti e lasciateli in questa posizione per una decina di minuti, (in modo che si formi il sottovuoto), rimetteteli quindi in piedi.
  • Lasciate raffreddare i vasetti di marmellata, etichettateli e poi, riponeteli in dispensa.
  • Degustate la marmellata dopo 1 mese dalla preparazione.
  • Note: il fico d’india fu introdotto in Europa in età colombiana dagli spagnoli che lo importarono dal Messico, il fico d’India è presto diventato un elemento inscindibile nel panorama tipico del bacino del Mediterraneo, dove ha trovato le condizioni climatiche migliori per attecchire e svilupparsi – In Sicilia, in particolare, le “pale” di fico d’India crescono spontaneamente sui suoli sabbiosi e pianeggianti fornendo all’Isola frutti di alta qualità e pregio tanto che la nostra regione ne è, dopo il Messico, il secondo produttore mondiale.
  • La Sicilia è prolifera di questo esotico frutto che conta quattro diverse varietà: la gialla detta “sulfarina”, la rossa nota come “sanguigna”, la bianca denominata “muscarella” e quella dal tipico color arancio chiamata “moscateddo”.In Sicilia si produce tradizionalmente uno sciroppo, ottenuto concentrando la polpa privata dei semi, del tutto simile come consistenza e gusto allo sciroppo d’acero, ed utilizzato nella preparazione di dolci rustici. È utilizzato anche come infuso per un liquore digestivo.
  • La diffusione capillare in Sicilia, lo storico e ampio uso che se ne fa nella cucina siciliana hanno portato il ficodindia generico (Opuntia ficus-indica) ad essere inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf) come prodotto tipico siciliano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *