Polpettine di vitello e funghi alle mandorle

Ingredienti per 4 persone:

  • 400g di polpa di vitello tritata, 150 g di funghi champignon, 2 uova, 1 panino raffermo, 150g di mandorle tritate finissime, 1 spicchio di aglio, pangrattato, latte, olio extravergine di oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Pulite i funghi e tagliateli a fettine sottili. Sbucciate e tritate finemente l’aglio, rosolatelo in un tegame con 4 cucchiai di olio.
  • Unite i funghi e lasciateli rosolare per qualche minuto, poi salateli, pepateli, copriteli e portate a cottura.
  • Lasciateli infine raffreddare e tritateli finemente.Fate ammorbidire il panino spezzettato in una ciotola con il latte, poi scolatelo, strizzatelo e mettetelo in una terrina.
  • Unite il tritato di carne, i funghi,le uova,un pizzico si sale e una spolverata di pepe, aggiungendo il pangrattato necessario a ottenere un composto sodo.
  • Ricavate dal composto tante polpettine, passatele nelle mandorle, facendo in modo di ricoprirle uniformemente.
  • In fine friggete le polpettine in abbondante olio caldo finchè risulteranno dorate, scolatele man mano su carta assorbente da cucina. Servite le pelpettine ben calde, accompagnate da una fresca insalata.
  • Note:
  • Il prataiolo detto champignon (che in francese significa genericamente fungo) o, più propriamente, champignon de Paris (fungo di Parigi). Presenta gambo cilindrico non bombato e cappello a cupola. Di piccole dimensioni, ha colore biancastro o nocciola (cremino) ed è il più diffuso.
    I funghi si puliscono con un panno inumidito, eliminando con un coltellino eventuali residui terrosi. Se necessario, si passano velocemente in poca acqua tiepida e si asciugano immediatamente.
  • Acquisto: i funghi all’atto dell’acquisto devono essere sodi, integri, esenti da forellini e al tatto risultare morbidi, ma non molli. Inoltre devono essere intensamente profumati. I funghi coltivati sono in genere commercializzati in confezioni con riportata la data entro cui consumarli. Di fatto possono rimanere in frigorifero anche quattro giorni, cominciando però un processo di disidratazione.
  • Nota nutrizionale: danno un trascurabile apporto calorico e sono ricchi di Sali minerali quali potassio, fosforo e selenio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *