Involtini ri tunnina frisca( di tonno fresco)

Ingredienti per 4 persone:

  • 12 fette sottili di tonno fresco, 100g di pangrattato, 2 cucchiai di pinoli, 2 cucchiai di uvetta, 1 ciuffo di prezzemolo, 3 cucchiai di caciocavallo grattugiato, 1 cipolla, 1 limone, alloro, 1 bicchiere di vino bianco secco, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Tostate leggermente il pangrattato in padella con 2 cucchiai d’olio, e amalgamatelo con il caciocavallo, il prezzemolo tritato, i pinoli, l’uvetta, qualche cucchiaio di succo di limone, una presa di sale e una spolverata di pepe.
  • Distribuite sulle fette di tonno, cosparse di sale, il composto preparato e arrotolatele; poi, fissatele con stuzzicadenti affinché non si aprano.
  • Fate appassire la cipolla tritata in un tegame con 4 cucchiai d’olio e 2 foglie di alloro; quindi, rosolate gli involtini, facendoli dorare in modo uniforme.
  • Bagnate con il vino e lasciate evaporare.Versate qualche cucchiaio d’acqua; coprite e proseguite la cottura, su fiamma moderata, per una decina di minuti. Servite gli involtini tiepidi accompagnati da una fresca insalata verde.
  • Note:
  • Il tonno reperibile in Italia è a polpa rossa, conosciuto appunto come “tonno rosso” (esista anche una varietà a polpa bianca, considerata di maggior pregio, non presente nel Mediterraneo). Di notevoli dimensioni, viene venduto al taglio. I filetti dorsali sono magri, mentre la ventresca è la parte più grassa.
  • Acquisto: sceglierlo a polpa di un rosso intenso, ma non scuro, e che sia privo di eventuali riflessi color petrolio. Preferite il tonno rosso anche cosiddetto “pink” (proveniente dall’oceano Indiano) che in genere arriva sui banchi del mercato già filettato.
  • Impiego: utilizzare tagli dorsali per brevi cotture, per carpacci e tartare. Preferite la ventresca, che è più grassa, per cotture più prolungate, per esempio al forno, ma anche per la preparazione di sashimi. Il tonno si valorizza consumato crudo o cotto tipo roast-beef all’inglese, ossia mantenendo la parte interna cruda. Un tempo nei luoghi di pesca, le famiglie tagliavano il tonno pescato a pezzi, lo riponevano in vasi di vetro insieme con alloro o gli aromi preferiti, lo coprivano a filo di olio d’oliva e lo cuocevano a bagnomaria. Così preparato, si conserva in luogo fresco per almeno 4 o 5 giorni.
  • Nota nutrizionale: il tonno è ricco di omega 3, Sali minerali quali potassio e selenio, vitamina B12 e proteine. Occorre però ricordare che, come altri grandi pesci predatori, può contenere elevati livelli di mercurio, metallo pesante tossico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *