Sarde gratinate

Sarde gratinate
Sarde gratinate

Sarde gratinate
Sarde gratinate

Sarde gratinate
Sarde gratinate

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 1kg di sarde, 150g di pangrattato, 4 acciughe sotto sale, 1 mazzetto di prezzemolo, 1 spicchio d’aglio, 2 limoni, 3 foglie di alloro, 1\2 bicchiere d’olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Pulite le sarde, apritele a libro e diliscatele; poi, lavatele bene in acqua corrente e asciugatele con carta da cucina.
  • Cospargetele di sale e tenete da parte.Scaldate due terzi dell’olio in una padella e scioglietevi le acciughe, dissalate e senza lisca; fate intiepidire il condimento e aggiungete 120g di pangrattato, un trito di aglio e prezzemolo, il succo dei limoni e una spolverata di pepe.
  • Ungete il fondo di una teglia; cospargetelo con una foglia di alloro spezzettata e distribuitevi sopra uno strato di sarde.
  • Spargete, quindi,metà del pane aromatico e coprite con altri pesci.Unite il resto del composto e terminate con un ultimo strato di sarde; ricoprite la superficie con il pangrattato e irrorate con un filo d’olio. Infornate a 180°C per circa mezz’ora.
  • Note:
  • La sarda o sardina  è un piccolo pesce molto diffuso nei nostri mari, di colore azzurro bluastro con riflessi verdi e ventre bianco argentato, lungo sino a 20 centimetri. Ha la bocca ben sviluppata e obliqua e corpo coperto di squame. È presente sul mercato molti mesi dell’anno ed è molto apprezzato nei mesi autunnali e primaverili.
  • Acquisto: al momento dell’acquisto verificare che  abbia occhio sporgente, branchie rosse, corpo sodo.  Sono assolutamente da scartare i pesci con pancia gonfia e le cui interiora fuoriescano anche solo parzialmente dalla chiusura anale.
  • Impiego: le sardine sono ottime alla brace e in questo caso vanno eviscerate senza però squamarle. Sono protagoniste di numerosi piatti regionali, preparate in saor, a beccafico, con la pasta, aperte a libro e cucinate a cotoletta.
  • Nota nutrizionale: particolarmente ricca di omega 3, è tra i pesci preziosi per la nostra salute, anche se poco apprezzata nonostante la bontà della polpa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *