Rigatoni pasticciati

Rigatoni-pasticciati
Rigatoni pasticciati

Rigatoni pasticciati 8
Rigatoni pasticciati

Rigatoni-pasticciati
Rigatoni pasticciati

Ingredienti per 4 persone:

  • 320g di rigatoni, 150g di pancetta coppata a dadini, 50g di gherigli di noci, 4 patate medie lesse, 2 spicchi d’aglio, 2 bicchieri di latte, 100g di pecorino grattugiato, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Schiacciate leggermente l’aglio con tutta la buccia e fatelo rosolare in una padella con 3 cucchiai d’olio , unite la pancetta fatela rosolare per 2 minuti dopo togliete l’aglio.
  • Pelate le patate , passatele allo schiacciapatate e mettetele nella padella con la pancetta, aggiungete 2 bicchieri di latte, una manciata di pecorino, i gherigli di noce spezzettati, una spolverata di pepe, mantecate il tutto per 2 minuti e se occorre unite 1-2 mestoli di acqua di cottura della pasta.
  • Cuocete i rigatoni al dente, poi scolateli e tuffateli nella padella con il condimento preparato, mescolate bene, unite ancora 1 mestolo d’acqua di cottura della pasta, una generosa manciata di pecorino e ancora un pizzico di pepe, mantecate per 1 minuto e spegnete il fuoco. Servite i rigatoni caldi con una spolverata di pecorino.
  • Note:
  • La noce è una drupa composta da un mallo carnoso che, quando il frutto è maturo, libera la noce vera e propria, costituita da due gusci che, quando il frutto è maturo, libera la noce vera e propria, costituita da due gusci che racchiudono il gheriglio. Possiede forma da tondeggiante a ovata. Il guscio è marrone chiaro, mentre il seme, ossia il gheriglio, è color crema; il sapore della noce fresca è amarognolo a causa della buccia che la ricopre, ma seccando si ingentilirà. Le noci si raccolgono in autunno. Separate dal mallo, vengono lavate e sbiancate prima di essere commercializzate. Le noci si consumano fresche o secche. Tra le varietà merita di essere ricordata la noce di Sorrento, di forma ovale allungata, oppure tondeggiante. Ha guscio marrone, gheriglio di colore chiaro e consistenza compatta; il profumo è delicato e caratteristico e il sapore molto gradevole. Le dimensioni sono variabili, generalmente è medio-piccola.
  • Acquisto: controllare l’integrità del guscio.
  • Impiego: sgusciare la noce fresca ed eliminare la pellicina che ricopre il gheriglio: per facilitarne l’operazione sbollentate i gherigli in acqua per 2-3 minuti. Le noci secche, una volta sgusciate, sono pronte per il consumo. Sia fresche sia secche, si possono tritare, mescolare a grana grattugiato e burro e utilizzare per condire paste asciutte. Quelle secche sono la base della celebrata salsa ligure per condire i pasoti. Le noci trovano inoltre impiego nella produzione di crostate e croccanti; presenti nella piccola pasticceria, sono utilizzate anche in gelateria.
  • Nota nutrizionale: le noci sono vitaminiche, contengono infatti vitamine A,B1. B6, C e P. sono anche molto ricche di grassi polinsaturi che aiutano a combattere il colesterolo cattivo (LDL), di omega 3 e di antiossidant

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *