Spaghetti al ragù di triglie

Ingredienti per 4 persone:

  • 400g di spaghetti, 500g di filetti di triglia, 1 spicchio d’aglio, 1 carota, 2 foglie di salvia, 1 ciuffo di menta, 1 foglia di alloro, 1 costola di sedano, 1 cipolla, 3dl di salsa di pomodoro, 1 mazzetto di prezzemolo, 1 ciuffo di basilico, origano, vino bianco secco, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Sminuzzate i filetti di pesce e teneteli da parte. Pulite la carota, il sedano, la cipolla, l’aglio e a salvia e tritateli finemente; poi, lasciateli appassire in un tegame con 5 cucchiai d’olio e alloro.
  • Aggiungete le triglie e lasciate insaporire per un istante mescolando. Spruzzate con poco vino e versate la salsa.
  • Cospargete con un trito di basilico, prezzemolo e menta; salate, pepate, profumate con un pizzico di origano e fate cuocere per 15 minuti.
  • Nel frattempo, portate ad ebollizione abbondante acqua salata e lessatevi gli spaghetti. Scolateli al dente e rigirateli in tegame con il sugo preparato.
  • Note:
  • La  triglia è un pesce pregiato di colore rosa tendente al rosso, di stazza medio-piccola. Si distinguono triglie di scoglio e triglie di sabbia: le prime hanno polpa più pregiata anche se le seconde sono pur sempre pesci eccellenti. Le due varietà si riconoscono in quanto i fianchi della triglia di scoglio sono percorsi da strisce gialle longitudinali e il dorso è rosso più o meno scuro; quella di sabbia ha invece colore dorsale rosso tendente al rosato ed è priva delle linee longitudinali. Entrambe sono presenti praticamente tutto l’anno. Nel periodo estivo si pescano gli esemplari giovani che si avvicinano alla costa.
  • Acquisto: preferite le triglie di scoglio. I pesci devono avere squame ben aderenti e colore vivo, anche quello delle branchie. Gli occhi saranno ben convessi.
  • Impiego: le triglie vanno squamate con delicatezza perché sono molto fragili. Gli esemplari più piccoli si possono infarinare e friggere, oppure sfilettare e consumare crudi. Gli altri sono ottimi cotti in umudo o in zuppa. Occorre vigilare  però, perché la triglia troppo cotta si spezzetta, “seminando” di lische la preparazione. Per questo motivo, oltre a prestare  attenzione alla cottura, è preferibile unirle sfilettate.
  • Nota nutrizionale: la triglia contiene vitamina A ed è ricca di Sali minerali, tra i quali calcio, fosforo, magnesio e selenio. Inoltre è proteica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *