Muffuletta (pagnottella siciliana)

La muffuletta, è un simbolo della gastronomia Siciliana. A Palermo è usanza consumarla a colazione il mattino del 2 novembre, per la commemorazione dei defunti, comunemente detta la festa dei morti.Si mangia appena sfornata, ancora calda farcita con sarde salate , olio extravergine d’oliva , pepe e caciocavallo a scaglie,oppure condita con salsa a sfincione, accompagnata da un buon bicchiere di vino.

Muffuletta (pagnottella siciliana)
Muffuletta (pagnottella siciliana)

Muffuletta (pagnottella siciliana) 8
Muffuletta (pagnottella siciliana)

Muffuletta (pagnottella siciliana)
Muffuletta (pagnottella siciliana)

Muffuletta chi sardi salati
Muffuletta chi sardi salati

Muffuletta a sfincione
Muffuletta a sfincione

 

Ingredienti per 10 muffulette:

  • 500g di farina manitoba o farina 00, 500g di farina 0 di grano duro rimacinata, 250g di lievito madre o 50 g di lievito di birra, 1 cucchiaio di miele millefiori, 10 grammi di malto per panificazione (facoltativo),500ml di acqua, mezzo bicchiere di olio extravergine d’oliva, 20g di sale, semi di sesamo q.b.

Preparazione:

  • Sciogliete in una ciotola, il lievito in 250ml di acqua tiepida, aggiungete il miele e il malto. In un’altra ciotola emulsionate l’olio con il sale e con l’acqua restante cioè 250ml.
  • Setacciate le due farine, formate una fontana e cominciate a versare l’acqua con il lievito poco per volta fino a completo assorbimento, poi continuate ad aggiungere l’acqua con l’olio e il sale, lentamente aspettate che sia completamente assorbita prima di aggiungerne dell’altra.
  • Impastate energicamente e a lungo fino a d avere un impasto soffice liscio ed elastico.Ponete l’impasto in una grande ciotola precedentemente infarinata, fate un taglio a croce , coprite la ciotola con pellicola per alimenti e mettete l’impasto a riposare per almeno 3 ore.
  • Trascorso il tempo della prima lievitazione, prendete l’impasto e dividetelo in porzioni tutti uguali di circa 100g l’uno, arrotolate ogni pezzo con il palmo delle mani sul piano da lavoro infarinato, formate delle palline , schiacciatele leggermente in modo da dare la forma classica della muffuletta.
  • A questo punto spennellate le pagnottelle con poca acqua ,cospargetele con semi di sesamo pressate leggermente con le mani per fare aderire meglio i semi.
  • Ponete le muffolette in una teglia rivestita con carta da forno, coprite con un canovaccio asciutto e lasciate lievitare ancora per almeno 2 ore.
  • Terminata la seconda lievitazione, mettete in forno già caldo a 200° per circa 20 minuti o fino a completa doratura delle muffulette.
  • Sfornate , lasciate intiepidire per 5 minuti, poi tagliate le muffulette ancora calde e conditele come tradizione vuole con del buon olio extravergine d’oliva, filetti di acciughe sott’olio (o sarde salate), una generosa spolverata di pepe e una manciata di caciocavallo grattugiato ( o a scaglie).

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *