Saper scongelare

È importante sapere scongelare gli alimenti nel modo corretto. Ogni singolo prodotto necessita di un trattamento idoneo. Bisogna, inoltre tenere presente che, gli alimenti sottoposti allo scongelazione a caldo, a causa del processo di presurgelazione e, a volte, di scottatura successiva, la cottura richiede un tempo inferiore di circa un terzo rispetto a quello utilizzato per gli alimenti freschi.
Almeno alle prime volte, controllate spesso lo stato di cottura dei cibi così da non superare quella ottimale. Invece, per quanto riguarda i metodi di scongelazione in frigorifero o a temperatura ambiente, se non è necessaria la cottura ulteriore o il riscaldamento, i cibi vanno consumati quando hanno raggiunto la temperatura ottimale di 12-15°C. solo in questo caso, infatti, potranno mantenere le loro caratteristiche originarie.

Scongelare a freddo

  • In frigorifero la scongelazione procede lentamente, ma questo metodo presenta il vantaggio di non provocare alterazioni apprezzabili nella qualità dell’alimento, in quanto la temperatura esterna non supererà mai i 4°C.
  • In acqua corrente fredda la scongelazione è rapida, ma è necessario che non vi sia un diretto contatto co l’acqua, quindi bisogna proteggere il prodotto con un imballaggio impermeabile: il dilavamento dovuto allo scorrere dell’acqua provocherebbe la perdita di principi nutritivi e alterazioni di sapore e aroma.
  • A temperatura ambiente è possibile scongelare solo prodotti di piccole dimensioni. Infatti i prodotti più voluminosi richiedono molto tempo: cioè produrrebbero la scongelazione della parte esterna dei cibi prima di quella interna e la conseguente degradazione della parte scongelata prima ancora che la seconda abbia raggiunto la temperatura ambiente.

Scongelare a caldo

  • È possibile scongelare i prodotti in aria calda, ma solo quegli alimenti che posseggano un grado di umidità medio-alto, per non provocare disidratazioni superficiali o formazioni di condensa.
  • Il forno a microonde è estremamente utile: la scongelazione degli alimenti richiede pochi minuti e non altera le caratteristiche organolettiche. In questo caso non utilizzate imballaggi di metallo.
  • La maggior parte degli ortaggi e qualche prodotto animale possono essere direttamente cotti in acqua bollente o in olio caldo, in forno o nel microonde senza bisogno di preventiva scongelazione. Tenetelo presente nella fase di imballaggio in quanto, a seconda del metodo di cottura che adotterete, dovrete predisporre adeguati contenitori. Inoltre, in questo caso sono da evitare i normali contenitori in plastica, sebbene esistano in commercio anche tipi resistenti alle alte temperature.

Ricongelare: si o no?

Non è decisamente consigliabile ricongelare un prodotto che è già stato scongelato, in quanto ciò provocherebbe un’inevitabile perdita di valori nutritivi e di qualità. Se però ciò si rivelasse assolutamente inevitabile per varie ragioni ( impossibilità di consumo immediato o di altri tipi di conservazione oltre alla surgelazione ecc: ), è assolutamente essenziale tenere presente le regole di seguito elencate.

  • La scongelazione deve essere incompleta o appena conclusa, o il prodotto deve essere stato mantenuto in frigorifero.
  • La ricongelazione deve essere immediata e il più rapida possibile ( utilizzate lo scomparto di precongelazione rapida).
  • Il prodotto ricongelato avrà una durata di conservazione inferiore rispetto a un prodotto surgelato.
  • È possibile ricongelare tutti i tipi di carne, a eccezione della carne trita, della carne di maiale e del pesce.
  • È consigliabile ricongelare la carne soltanto dopo una cottura preliminare.
  • Non è possibile ricongelare frutta e ortaggi crudi in quanto, durante la scongelazione, buona parte dei liquidi costituiti e la consistenza originaria vanno irrimediabilmente perduti.
  • Gli ortaggi scongelati devono essere cotti, conservati in frigorifero o ricongelati e consumati entro breve tempo.

La surgelazione casalinga

Via libera dunque ai surgelati e, volendo cimentarci nella surgelazione casalinga, prendiamo  esempio dall’industria osservando poche e semplici regole.
puntina azzurra Surgelare solo se ne vale la pena.

La pulizia deve essere scrupolosissima.

I prodotti surgelati a pezzi devono essere tagliati nelle stesse dimensioni.

I pacchetti devono essere piccoli.

I pacchetti devono essere di forma appiattita e regolare. Andranno inoltre stivati il più ordinatamente possibile.

Ogni sacchetto avrà un’etichetta con tutte le informazioni utili.

Si congeleranno le verdure con il metodo della precongelazione rapida (o “presurgelazione”).

puntina azzurra È bene evitare di ricongelare un prodotto che sia stato scongelato.

È possibile congelare un alimento dopo la cottura (se scongeliamo una quantità di carne cruda per spezzatino, una volta cotta possiamo ricongelarla).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *