Archivio per ‘Crèpes Salate’ Categoria

Crèpes di verdure e tonno

settembre 29th, 2009 by admin

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 crèpes (per le crepes usare la ricetta base) , 2 peperoni, 2 pomodori, 2 melanzane, 2 zucchine, 200 gr di tonno sott’olio, basilico, cipolla, olio extravergine d’oliva, sale.

Preparazione:

  • Lavare le verdure, tagliate a pezzetti le melanzane, le zucchine, i peperoni e i pomodori. Tritate la cipolla finemente, fatela rosolare in padella con olio per pochi minuti.
  • Aggiungere le verdure e il tonno, salare e insaporire con il basilico tritato. Continuate la cottura per altri 10 minuti.
  • Infine farcire le crèpes con il composto di verdure e tonno. Infornate per 5 minuti a 200°C.
  • Note: Peperone
  • Si consuma il frutto, ossia la bacca cava che si utilizza sia verde, sia in piena maturità, quando è rossa o gialla. In genere la bacca verde ha sapore più erbaceo e acquisisce  dolcezza con la maturazione. Il peperone può assumere varie forme riconducibile alle varietà: quadrato, in genere grosso, carnoso, dotato di quattro lobi come il quadrato d’Asti; oppure allungato, a forma di corno, con polpa carnosa, spessa o sottile. Contengono capsicina, soprattutto nei semi e nelle costole bianche interne, che comunica una sensazione piccante recepita come calore non dall’organo del gusto, ma dal nervo trigemino (chemestesi). La capsicina è presente segnatamente nei peperoni. Secondo la scala della pungenza, ideata nel 1912 da un farmacista americano di nome Scoville, il peperone registra un fattore di pungenza di circa 0, il tabasco 300, il peperoncino 8000-3.000.000, la capsicina pura 16.000.000. la sensazione piccante, quando è molto forte, non si elimina bevendo acqua come si potrebbe credere, in quanto la capsicina in essa è poco solubile. Meglio masticare un pezzo di formaggio o di altri cibi grassi, o sorseggiare un calice di vino rosso che contiene tannini.
  • Acquisto: i peperoni devono essere sodi, con la buccia ben tesa e privi di grinze; il picciolo sarà verde acceso senza tracce di lignificazione.
  • Impiego: i peperoni che non hanno raggiunto la piena maturità hanno sapore erbaceo e si utilizzano per preparazioni quali il gazpacho (zuppa fredda iberica a base di peperone, cetriolo, pomodoro e cipolla crudi passati o frullati) e in genere per piatti in cui si vuole esaltare la freschezza come alcune insalate mediterranee (con cipolla, olive ecc.). per contro, per peperonate, ratatouille, peperoni da mettere sott’olio, o per preparare una tarte tatin, sono da preferire quelli rossi e gialli, ossia i peperoni maturi. Vanno bene sia verdi sia maturi per farcirli e cuocerli al forno
  • Nota nutrizionale:  i peperoni sono ricchi di vitamina C, che però si distrugge in buona parte con la cottura, e contengono anche protovitamina A: due importanti vitamine antiossidanti. Apportano inoltre buona quantità di potassio oltre che di fosforo, magnesio e calcio.

Crèpes al salmone

agosto 4th, 2009 by admin

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 crêpe (per le crepes usare la ricetta base),8 fettine sottili di salmone affumicato, 200 gr di formaggio fresco (tipo robiola, filadelfia), qualche rametto di aneto (o foglioline di finocchio), insalatina.


Preparazione:

  • Preparate le crepes secondo la(ricetta di base). Spalmate le crêpe con il formaggio (non è necessario spalmare l’intera crêpe, basta un quarto circa) e adagiate il salmone affumicato sul formaggio.
  • Guarnite a piacere con l’aneto tagliuzzato e qualche fogliolina di insalata. Chiudete le crepes in due e arrotolatele.
  • Note:La crespella, conosciuta anche con il termine francese di crêpe, è un tipo di cialda sottile, morbida e non croccante, cotta su una superficie rovente tonda.Le crespelle vengono farcite di ripieni vari, dolci o salati e arrotolate su sé stesse per racchiuderli. L’impasto è a base di latte, uova, farina. La crespella è generalmente considerata una pietanza tipica della cucina francese, tuttavia sono presenti preparazioni simili in vari paesi d’Europa. Le versioni salate tuttavia non mancano e sono preparate nella Francia nord occidentale utilizzando farina di grano saraceno: prendono il nome di galette e possono venire servite come spuntino, antipasto o secondo, accompagnandosi a formaggi, salumi, verdure, funghi, crostacei e salse varie. Tipiche della Bretagna, sono diventate il piatto più rappresentativo della cucina bretone. In alcuni tipi di zuppe e minestre si usa tagliarle a striscioline e accompagnarle al brodo, solitamente di carne, come ad esempio si fa in Austria ed in Alto Adige per la Frittatensuppe.