Archivio per ‘Gelati’ Categoria

Menù gelati

agosto 10th, 2013 by admin

Gelato alla fragola in coppa di croccante

agosto 10th, 2013 by admin

Gelato alla fragola in coppa di croccante

Gelato alla fragola in coppa di croccante

Gelato alla fragola in coppa di croccante

Gelato alla fragola in coppa di croccante

Gelato alla fragola in coppa di croccante

Gelato alla fragola in coppa di croccante

Gelato alla fragola in coppa di croccante

Gelato alla fragola in coppa di croccante

 

Ingredienti per 500g di gelato: 250 g di fragole fresche ( o surgelate) ,150ml di latte, 150ml di panna fresca,100 g di zucchero semolato, 4 coppette di croccante al sesamo .

Preparazione:

  • Lavate le fragole, asciugatele ,tagliatele a pezzetti e mettetele in un tegamino, aggiungete lo zucchero.
  • Mettete sul fuoco e cuocete a fiamma bassissima per circa 5-6 minuti, o fino a quando le fragole non si saranno ammorbidite e rilasciato buona parte del loro succo.
  • Versate le fragole ancora calde nel frullatore, aggiungete il latte e panna freddi, e frullate il tutto per un paio di minuti, o fino a quando non vedrete il composto gonfio e spumoso.
  • Versate il frullato ottenuto in una ciotola, coprite con pellicola per alimenti e riponete in frigo a raffreddare per circa 1 ora.
  • Trascorso il tempo, tirate fuori dal frigo la ciotola, mescolate per pochi secondi il composto e poi, versatelo nella gelatiera e seguite le istruzioni della macchina.
  • In mancanza della gelatiera, potete versare il composto in un contenitore e riporlo in freezer affinché si solidifichi.
  • A questo punto, battetelo più volte ( ad intervalli di mezz’ora ) con una frusta elettrica e rimettetelo in freezer fino al momento di servirlo.

 

 

 

Cassata gelata

giugno 28th, 2010 by admin

 

Ingredienti per 4 -6 persone:

Preparazione:

  • Foderate uno stampo a cupola di alluminio con pellicola trasparente. Fate ammorbidire i gelati, lavorandoli con una spatola; poi, stendete due terzi di quello alla vaniglia ricoprendo le pareti del contenitore ad uno spessore di circa 2 cm.
  • Spalmate su questo uno strato di gelato al cioccolato e dopo uno di gelato al pistacchio. Affettate il pan di Spagna e inzuppatelo con una miscela di rum e acqua ( nelle proporzioni 1 a 3) dolcificata secondo il gusto.
  • Distribuitelo, quindi, sulle pareti di gelato, rivestendo l’intera superficie interna del dolce. Riempite la cavità con panna mescolata con i canditi e il cioccolato e ricoprite tutto con il gelato di vaniglia tenuto da parte.
  • Coprite la cassata gelata con pellicola trasparente e ponete in freezer per 3 ore.

 

Caldo- freddo al caffè

giugno 21st, 2010 by admin

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 600g di gelato al caffè, 2dl di panna montata zuccherata, 100g di cioccolato fondente, rum, 2 piccole brioche, 2 cucchiai di latte.

 

Preparazione:

  • Spezzettate il cioccolato e lasciatelo sciogliere in un tegame a bagnomaria con il latte. Quando si sarà fuso, mescolatelo energicamente con un cucchiaio di legno, fino ad ottenere una salsa cremosa; poi, tenete in caldo.
  • Distribuite il gelato nelle singole coppe e livellate la superficie con il dorso di un cucchiaio. Tagliate a metà, nel senso della larghezza, le brioches; inzuppatele leggermente di rum e distribuitele al centro di ciascuna coppa.
  • Ricoprite con la panna montata; versatevi sopra qualche cucchiaio di salsa di cioccolato calda e servite subito.

 

Gelato alla nocciola

giugno 21st, 2010 by admin

Ingredienti per 4 persone:

  • ½ l di latte, 90g di zucchero semolato, 3 tuorli, 1 bustina di vanillina, 50g di pasta di nocciole ( oppure 200g di nocciole tostate e tritate finissimamente).

Preparazione:

  • Scaldate il latte con la vanillina. Nel frattempo, mettete i tuorli in un tegame, aggiungetevi lo zucchero e sbattete energicamente con una frusta fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
  • Versatevi, a filo, il latte e amalgamate con cura. Ponete la casseruola su fiamma bassa e portate ad ebollizione il preparato, rimestando continuamente.
  • Appena accenna il primo bollore, spegnete il fuoco e incorporate la pasta di nocciole; passate la crema al setaccio, trasferitela in un altro recipiente e lasciatela raffreddare. Mettetela nella gelatiera e seguite le istruzioni della macchina.
  • In mancanza della gelatiera, potete versare il composto in un contenitore e riporlo in freezer affinché si solidifichi. A questo punto, battetelo più volte ( ad intervalli di mezz’ora ) con una frusta elettrica e rimettetelo in freezer fino al momento di servirlo.
  • Note:
  • La nocciola ha guscio più o meno spesso di colore marrone chiaro (nocciola, appunto) e di calibro variabile che può superare i 18 millimetri. Il seme, vale a dire il frutto, tondeggiante, che può avere un diametro di oltre 13 millimetri, ha polpa bianca aromatica, dotata di buccia più o meno sottile. Il sapore è dolce, il profumo delicato e la consistenza croccante. Matura a fine estate (tra metà agosto e metà settembre).
  • Le nocciole appena colte, se sgusciate, deperiscono molto presto e pertanto vanno riposte in frigorifero. Quelle con guscio si conservano invece a temperatura ambiente.
  • Le varietà di nocciola più note e pregiate sono: – Tonda gentile delle Langhe. È la nocciola piemontese per definizione. Possiede forma sferica e guscio spesso, di color marrone chiaro non omogeneo opaco. Il frutto è tondeggiante, ricoperto di buccia spessa ma facilmente eliminabile con la tostatura; ha profumo e sapore finissimi con delicate note dolci; – Tonda di Giffoni. Di medie dimensioni, ha forma tondeggiante. Il guscio si presenta color marrone più o meno chiaro. La polpa è compatta, consistente, di colore beige tenue. Il sapore è delicato e caratteristico; – Monti Cimini. È di dimensioni medio piccole, sferoidale, con guscio color nocciola opaco. Il frutto ha sapore dolce, pieno.
  • Acquisto: verificare che i gusci siano integri, senza fori né fessurazioni.
  • Impiego: una volta sgusciate, tostare le nocciole per qualche minuto in forno, poi  raccoglierle in un canovaccio e sfregarle così da asportare la buccia con facilità. Si possono utilizzare tritate e passate nel burro per condire tagliatelle. Guarniscono torte e dolci in generale. Si utilizzano per la produzione del gianduia, dei torroni, di praline. Inoltre sono unite al cioccolato sia bianco  sia nero.
  • Nota nutrizionale: frutti molto nutrienti, possiedono grassi omega 6 e omega 3, benefici per il sistema cardiocircolatorio. Sono una fonte di selenio e di flavonoidi che svolgono anch’essi un’azione protettiva del sistema cardiocircolatorio. Hanno proprietà antiossidanti. Va inoltre ricordata la presenza delle vitamine B1, B2, B6, PP ed E.

Gelato al limone

giugno 21st, 2010 by admin

Gelato al limone

Gelato al limone

Gelato al limone

Gelato al limone

Gelato al limone

Gelato al limone

Gelato al limone

Gelato al limone

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 3 limoni, 150g di zucchero semolato, 1 albume.

Preparazione:

  • Lavate e asciugate i limoni; grattugiatene la buccia e trasferitela in una ciotola. Versate 1 bicchiere d’acqua; coprite e lasciate in infusione per 1 notte.
  • Trascorso il tempo necessario, filtrate il liquido; mescolatevi il succo dei limoni, passate al colino e aggiungete tanta acqua quanta ne occorre per arrivare a 5 dl di soluzione.
  • Aggiungete lo zucchero e portete ad ebollizione su fiamma bassa; fate raffreddare e versate il preparato nella gelatiera.
  • Appena comincerà ad addensarsi, incorporate l’albume montato a neve; completate la lavorazione e ponete in freezer fino al momento di servire.
  • In mancanza della gelatiera, potete versare il composto in un contenitore e riporlo in freezer affinché si solidifichi. A questo punto, battetelo più volte ( ad intervalli di mezz’ora) con una frusta elettrica e incorporate l’albume montato; dopo, rimettete il gelato in freezer fino al momento di servirlo.

 

Profiteroles della pasticciona

novembre 24th, 2009 by admin

 

Ingredienti:

  • 20 bignè (potete comprarli pronti se non avete tempo di farli), gelato alla vaniglia ( o crema, stracciatella…) , cioccolato fondente 200 gr.

Preparazione:

  • Spezzettate il cioccolato e fondetelo a bagno-maria, se necessario allungandolo con un po’ di acqua o latte. Toglietelo dal fuoco e lasciatelo intiepidire. Intanto che il cioccolato di raffredda un po’ dividete i bignè a metà e farciteli con il gelato alla vaniglia aiutandovi con un cucchiaino.
  • Scegliete il piatto da portata e disponeteli nella forma classica del profiteroles, a monticello. Colatevi sopra a fontana il cioccolato fondente e servite immediatamente.
  • Potete anche fare un profiteroles con più gusti, farcendo i bignè con diversi tipi di gelato.

 

Gelato ai lamponi con panna

settembre 7th, 2009 by admin

Ingredienti:

  • 300gr di lamponi, 3 uova intere, 100gr di zucchero semolato, 284ml di panna liquida, 4 meringhe di dimensioni medie, 50gr di lamponi per guarnire

Preparazione:

  • Frullate i lamponi e setacciate il composto se preferite eliminare i semi. Sbattete le uova intere con una frusta elettrica, aggiungendo lo zucchero a poco a poco fino a formare un composto gonfio e spumoso.
  • Montate la panna in un’altra terrina ed incorporatela nelle uova. Rompete le meringhe grossolanamente ed amalgamatele al composto.
  • Prendete un recipiente adatto al freezer, meglio se un recipiente da plum cake. Bagnatelo leggermente con un po’ di acqua per far aderire meglio la pellicola trasparente con la quale andrete a foderare lo stampo.
  • Versate un 3 o 4 cucchiai di crema di lamponi sul fondo ed amalgamate il resto al composto con le uova senza mescolare troppo altrimenti diventa tutto rosso.
  • Mettete il gelato ai lamponi  in freezer per almeno 4 ore e tiratelo fuori una decina di minuti prima di servire.
  • Note: Il lampone
  • Il frutto è leggermente peloso, composito, ossia formato da frutti più piccoli a un solo seme detti drupe. Il periodo di raccolta va da giugno a ottobre, con picchi produttivi a luglio e  ad agosto. In estate ha forma leggermente allungata, mentre in autunno è più piccolo, di forma maggiormente tondeggiante. È un frutto deperibile che, una volta staccato dalla pianta, andrebbe consumato entro breve tempo. Si può surgelare ma, scongelandolo, perde la caratteristica consistenza  . È molto profumato e possiede sapore moderatamente agrodolce, in quanto alla concentrazione zuccherina si contrappone una vena acidula. Esiste inoltre una varietà di lampone, meno diffusa, a frutto giallo o bianco.
  • Acquisto: occorre osservare che le drupe siano di colore vellutato rosso corallo virante al rosa carminio e che il frutto sia asciutto, senza perdita di succo.
  • Impiego: si impiega soprattutto in pasticceria nella preparazione di salse, costituisce la guarnizione di torte e crostate ed è l’ingrediente di numerosi dolci come i bavaresi. È inoltre un’ottima base per la produzione di sciroppi e confetture. Si può impiegare in composizioni di pesce crudo, ma anche in insalate di verdure, per la gradevole nota agrodolce che comunica. Gli appassionati di risotti alla frutta troveranno nei lamponi un ottimo ingrediente.
  • Nota nutrizionale: è un frutto prezioso anche per la salute perché ricco di fibre e di vitamina C.

Gelato della nonna al limone

agosto 17th, 2009 by admin

Ingredienti:

  • 500 ml latte, 130 gr di zucchero semolato,150 ml succo di limone (due limoni grandezza media), scorza di 2 limoni biologici, 1 albume.

Preparazione:

  • Lasciate la scorza di 2 limoni (solo se non trattati) in infusione nel latte per due ore. Spremere i limoni, setacciare il succo, aggiungervi lo zucchero ed incorporare al latte. Porre il tutto nella gelatiera a mantecare.
  • Per chi non è in possesso di una gelatiera seguire questa seconda fase. Porre il composto nel freezer a gelare. Nel frattempo portare quasi a bollore 1 l di acqua in una casseruola;
  • montare a neve ferma l’albume in una ciotola per 5′ e infine adagiare la ciotola sulla casseruola, lavorando ancora l’albume per 5′.
  • Quando il primo composto è semi-solidificato, incorporare la meringa, rimestando delicatamente con una frusta. Mettere la ciotola nel freezer per almeno 3 ore, mescolando 1′ ogni ora con una frusta. Poco prima di servire, prelevare il gelato dal freezer, lasciare ammorbidire e versare tutto nel frullatore, in modo da rompere i cristalli di ghiaccio ed ottenere un gelato perfettamente cremoso.
  • Servire subito o rimettere in frigo per qualche minuto ancora, prima di servire, guarnendo a piacere.
  • Note: Limone invernale
  • Con tutta probabilità il limone è un ibrido tra cedro e lime. I frutti sono ovali oppure oblunghi. La buccia, sottile o spessa secondo la cultivar, va dal verde al giallo ed è ricca di oli essenziali. La polpa è generalmente molto aspra e succosa, priva di semi in diverse varietà. I limoni invernali nascono dalla fioritura primaverile.
  • Acquisto: devono essere sodi, con buccia ben aderente, e sprigionare un aroma di limone spiccato.
  • Impiego: con i limoni si preparano dolci al cucchiaio, crostate, gelati, granite. La scorza grattugiata, oltre che nelle torte, viene utilizzata nella gremolata degli ossibuchi alla milanese. Il succo ha anche un uso pratico: può essere spruzzato sulle mele affettate o aggiunto all’acqua in cui mettere carciofi tagliati, così da evitare che anneriscano. Inoltre le scorze di limone si possono condire e sono la base per la preparazione del limoncello.
  • Nota nutrizionale: molto ricco di vitamina C, che rafforza le difese immunitarie, contiene inoltre le vitamine A e B.

Gelato di Ananas

agosto 15th, 2009 by admin

 

Ingredienti:

  • 1 ananas da 1 kg, 3 dl di panna, 1 dl di latte, 250 g di zucchero semolato.

Preparazione:

  • Pulite l’ananas, eliminate la costa legnosa centrale. Riducete la polpa a cubetti e mettetela nel frullatore. Nel frattempo, scaldate la panna a fiamma bassa, aggiungete il latte e mescolate.
  • Versate lo zucchero e amalgamate delicatamente. Quando il liquido sarà quasi in ebollizione, levatelo dal fuoco e  fatelo raffreddare.
  • A questo punto, unite il passato d’ananas e lavorate fino ad ottenere un composto uniforme. Stendetelo in uno stampo e mettetelo in freezer. Fatelo addensare per 4-5 ore circa. Servitelo il gelato a fette, guarnendolo  con cubetti d’ananas fresco.
  • Note:
  • L’ananas (Ananas sativus) è il frutto della pianta di ananasso, appartenente alla famiglia delle Bromeliacee. Grazie alla presenza della bromelina ha un’azione decongestionante, oltre che essere ricca di sali minerali e in vitamine. L’ananas è un frutto poco calorico, depurativo, digestivo, ricchissimo di vitamina C, ricco di potassio.
  • Proprietà dell’ananas: L’ananas è particolarmente ricco in sali minerali (potassio, manganese) e in vitamine (carotenoidi, vitamina A, complesso B e vitamina C). La cosa interessante è che la vitamina C resta stabile anche dopo la raccolta, perché Il frutto la protegge dall’ossidazione con la sua scorza spessa e il suo alto tasso d’acidità. Infatti, come gli agrumi, anche l’ananas è un alimento alcalinizzante: riduce quindi il livello acido del nostro pH, (causato spesso da alimentazione scorretta e sbilanciata), ripristinando l’equilibrio acido basico e prevenendo le infiammazioni, prima causa di malattie.
  • Cenni storici: Fu portato nelle isole caraibiche dagli indi Caribi, che lo chiamavano anana; e a Guadalupe, nel 1493 Cristoforo colombo poté vederlo per la prima volta. Venne poi portato in Europa e da qui distribuito nelle isole del Pacifico dagli esploratori spagnoli che lo nominavano “pigna delle indie” e “pigna reale” dagli europei che potevano permettersi questo esclusivo frutto. Gli spagnoli in seguito lo esportarono nelle Filippine e nel XVI secolo raggiunse le Hawaii e Guam. L’ananas sbarcò in Inghilterra nel 1660 e iniziò a essere coltivato nelle serre all’incirca nel 1720. Oggi l’ananas è uno dei frutti tropicali più conosciuti al mondo. Il succo del gambo di ananas, per la sua attività enzimatica, era utilizzato già nel XVIII secolo come rimedio per facilitare le digestioni difficili.