Archivio per ‘Insalate di pasta’ Categoria

Menù Insalate di pasta

agosto 14th, 2014 by admin

Farfalle con pomodoro crudo e basilico

agosto 12th, 2014 by admin

Ingredienti per 4 persone:

  • 350g di farfalle, 500g di pomodorini, 2 spicchi d’aglio, basilico, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Lavate i pomodorini, sgocciolateli e tagliateli a pezzetti, metteteli in una ciotola, unite il basilico spezzettato, l’aglio sbucciato, un cucchiaio di olio extravergine d’oliva, una presa di sale e una spolverata di pepe, mescolate bene tutti gli ingredienti.
  • Coprite la ciotola con pellicola per alimenti e mettete in frigo fino al momento di condire la pasta.
  • Cuocete le farfalle al dente in una pentola con acqua bollente salata, scolateli, conditeli con 2 cucchiai di olio d’oliva e fatele raffreddare ben allargate su un vassoio, aggiungete i pomodorini togliete l’aglio e mescolate per bene. Trasferite le farfalle in una ciotola , coprite con un foglio di pellicola e lasciate riposare almeno per 1 ora in frigo prima di servirle.
  • Note:
  • Il basilico è considerata l’erba aromatica più nobile e infatti il nome deriva da basilicum, pianta regale, e da basileus, re. Ha foglie ovali lanceolate, a volta bollose, lunghe da 2 a 5 centimetri, di colore verde più o meno intenso. In alcune varietà ha stelo violaceo (basilico violetto), in altre aroma mentolato.
  • Acquisto: accettarsi della freschezza della pianta che deve essere ben eretta, con foglie tese, non flosce.
  • Impiego: il basilico è termolabile e pertanto il miglior utilizzo è da crudo, unendolo alle preparazioni già cotte. È il protagonista del pesto alla genovese, per il quale si consiglia di escludere la varietà mentolate: l’ideale è impiegare il basilico genovese.
  • Nota nutrizionale: il basilico favorisce la digestione, è antisettico, tonico, contiene vitamina A e Sali minerali come potassio, calcio, fosforo e magnesio.

Rigatoni in insalata con tonno e peperoni

luglio 25th, 2012 by admin

L’ insalata di pasta è uno di quei piatti che d’ estate ci semplificano la vita in cucina. Infatti può essere preparata in anticipo e conservare in frigorifero per un paio di giorni. È perfetta per un picnic o per un pranzo veloce.

Rigatoni in insalata con tonno e peperoni

Rigatoni in insalata con tonno e peperoni

Rigatoni in insalata con tonno e peperoni

Rigatoni in insalata con tonno e peperoni

Rigatoni in insalata con tonno e peperoni

Rigatoni in insalata con tonno e peperoni

Ingredienti per 4 persone:

  • 320g di pasta, 2-3 peperoni rossi, 1 cipolla, 160g di tonno sott’olio, 3-4 filetti di acciuga sott’olio, 4-5 pomodori pelati, 1 rametto di basilico, mezzo bicchiere di vino bianco secco, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Lavate i peperoni , asciugateli e metteteli su una teglia foderata con carta da forno, metteteli in forno già caldo a 200àC per circa mezz’ora, fino a quando la buccia risulterà scura.
  • Metteteli poi in un sacchetto per alimenti (quelli che di solito si usano per congelare), chiudete con un nodo il sacchetto e lasciateli raffreddare.
  • Appena i peperoni saranno freddi, spellateli , eliminate il picciolo, apriteli a metà ed eliminate i semi, poi, tagliateli a listarelle e metteteli temporaneamente da parte.
  • Sbucciate la cipolla e tritatela finemente con alcune foglie di basilico, poi, fatela rosolare a fuoco basso in una padella con 3-4-cucchiai di olio extravergine d’oliva, mescolando spesso, aggiungete mezzo bicchiere di vino, fatelo evaporare alzando la fiamma.
  • Tagliate i filetti di acciughe in piccoli pezzi, uniteli al soffritto e lasciateli insaporire per 1 minuto mescolando spesso.
  • Aggiungete i peperoni e fateli insaporire per 1-2- minuti, poi, unite i pomodori pelati tagliati a dadini,il tonno sgocciolato e spezzettato grossolanamente, un pizzico di sale, una spolverata di pepe e lasciate insaporire ancora per 2-3 minuti, se la salsa si dovesse asciugare troppo unite qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
  • Cuocete la pasta al dente in acqua bollente salata, scolatela, conditela con 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva e fatela raffreddare ben allargata in un vassoio.
  • Aggiungete la salsa preparata, mescolate, aggiungete una spolverata di basilico fresco tagliato a filetti, coprite con pellicola per alimenti e lasciate riposare per 1 ora al fresco prima di servire.
  • Note: un primo piatto semplice , molto saporito, dai sapori gustosamente mediterranei.

Insalata di penne rigate con crema di melanzane

luglio 11th, 2012 by admin

Ingredienti per 4 persone:

  • 350g di penne rigate ( o altro formato di pasta corta a piacere), 3 melanzane, 1 cipolla, 2-3 foglie di salvia fresca, 1 rametto di timo, 6 cucchiai di olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Spuntate le melanzane, sbucciatele, lavatele e tagliatele a dadi. Sbucciate la cipolla, tritatela finemente e rosolatela per 4-5 minuti a fuoco moderato in un tegame con 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva.
  • Unite le melanzane e fatele saltare a fiamma vivace per 4-5 minuti, mescolando spesso.Salate coprite e cuocete per 10-15 minuti, finchè non saranno tenere.
  • Cuocete la pasta al dente , scolatela, conditela con 2 cucchiai di olio e fatela raffreddare su un vassoio.Frullate le melanzane con le erbe fino ad ottenere una crema, regolate di sale e pepe.
  • Condite la pasta con la crema di melanzane fredda, trasferitela in una ciotola, copritela con un foglio di pellicola per alimenti e fatela riposare per almeno 1 ora al fresco prima di servirla. Piatto gustoso e leggero,ideale per l’estate. Perfetto per pic-nic, barbecue e pranzi all’aperto.
  • Note:
  • Il frutto della melanzana è una bacca carnosa che, secondo la varietà di appartenenza, può avere dimensioni e colori variabili. È riconducibile, da un punto di vista gastronomico, a due tipologie: la clava o allungata e l’ovalata o tonda. L’allungata è quella che ha sapore deciso, talvolta piccante, e pertanto può richiedere di essere messa sotto sale per estrarre parte dell’acqua di vegetazione amarognola. La tonda non richiede alcun trattamento prima della cottura.
  • Acquisto: la buccia deve essere liscia, tesa e lucida. Il frutto non deve presentare ammaccature.
  • Impiego: la mondatura della melanzana consiste nell’eliminare il picciolo insieme con la parte verde. Se non richiesto esplicitamente dalla ricetta, non si sbucciano. Le melanzane allungate si impiegano per ottenere piatti dal sapore deciso, come per  esempio la caponata, preparazione agrodolce con olive e pinoli. Quelle tonde sono ottime grigliate oppure fritte, in quanto questa cottura disidratano in modo marcato i cibi, concentrandone i succhi e, quindi, accentuandone i sapori. Sono da preferire tonde se vanno cucinate in casseruola insieme con pesci delicati. Tra i piatti con le melanzane vanno ricordati la pasta alla Norma, la parmigiana, la caponata. Pregevoli anche impanate e fritte.
  • Nota nutrizionale: contengono vitamine B e C e Sali minerali quali il potassio, fosforo, calcio e sodio. Svolgono una funzione diuretica e abbassano il colesterolo “cattivo”.

Insalata di fusilli con melanzane

luglio 11th, 2012 by admin

Ingredienti per 4 persone:

  • 350g di fusilli ( o altro tipo di pasta corta a piacere), 2-3- melanzane, 3-4 pomodori maturi e sodi, 1 cipolla, 1 cucchiaio di capperi, 10-12 olive nere, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Spuntate le melanzane, lavatele e tagliatele a dadini.Sbucciate la cipolla e tritatela finemente. Snocciolate le olive e tagliatele grossolanamente.Sbollentate i pomodori, pelateli e privateli dei semi e dell’acqua di vegetazione, poi tagliateli a dadini.
  • Fate scaldare 3 cucchiai di olio extravergine in un tegame, fatevi appassire la cipolla, quindi aggiungete i dadini di melanzane e fateli soffriggere per qualche.
  • Unite la polpa di pomodoro, i capperi e le olive e fate cuocere il tutto per 2-3 minuti, mescolando spesso.
  • Fate cuocere la pasta in abbondante acqua bollente salata, scolatela al dente; raffreddatela sotto l’acqua corrente e scolatela. Condite i fusilli in una insalatiera con il sugo preparato, mescolate e servite a temperatura ambiente.
  • Note:
  • Il frutto della melanzana è una bacca carnosa che, secondo la varietà di appartenenza, può avere dimensioni e colori variabili. È riconducibile, da un punto di vista gastronomico, a due tipologie: la clava o allungata e l’ovalata o tonda. L’allungata è quella che ha sapore deciso, talvolta piccante, e pertanto può richiedere di essere messa sotto sale per estrarre parte dell’acqua di vegetazione amarognola. La tonda non richiede alcun trattamento prima della cottura.
  • Acquisto: la buccia deve essere liscia, tesa e lucida. Il frutto non deve presentare ammaccature.
  • Impiego: la mondatura della melanzana consiste nell’eliminare il picciolo insieme con la parte verde. Se non richiesto esplicitamente dalla ricetta, non si sbucciano. Le melanzane allungate si impiegano per ottenere piatti dal sapore deciso, come per  esempio la caponata, preparazione agrodolce con olive e pinoli. Quelle tonde sono ottime grigliate oppure fritte, in quanto questa cottura disidratano in modo marcato i cibi, concentrandone i succhi e, quindi, accentuandone i sapori. Sono da preferire tonde se vanno cucinate in casseruola insieme con pesci delicati. Tra i piatti con le melanzane vanno ricordati la pasta alla Norma, la parmigiana, la caponata. Pregevoli anche impanate e fritte.
  • Nota nutrizionale: contengono vitamine B e C e Sali minerali quali il potassio, fosforo, calcio e sodio. Svolgono una funzione diuretica e abbassano il colesterolo “cattivo”.