Archivio per ‘Aceto’ Categoria

Menù Aceto

gennaio 9th, 2015 by admin

Aceto siciliano

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto siciliano

Aceto siciliano

Ingredienti:

  • 100 cl di aceto di vino rosso, capperi dissalati, basilico.

Preparazione:

  • Fate bollire l’aceto di vino rosso , durante il bollore,aggiungete i capperi dissalati e il basilico lavato, asciugato e sfilettato. Fate raffreddare e versate in una bottiglia.
  • Lasciate riposare quindici giorni ricordandovi di agitare la bottiglia ogni 24 ore. Filtrate il tutto e lasciate riposare altri cinque giorni senza toccarlo dopodichè è pronto per l’uso.
  • Note: Cappero di Pantelleria
  • Il  cappero di Pantelleria è un prodotto ortofrutticolo che designa il bottone fiorale del Capparis spinosa L., (varietà Inermis, cultivar Nocellara) coltivato sull’isola vulcanica di Pantelleria, in provincia di Trapani, Sicilia.
  • Nel giugno 1996 al Cappero di Pantelleria è stato riconosciuto il marchio indicazione geografica protetta (IGP).
  • Il cappero è un arbusto con un’altezza media di 30–50 cm con dei fiori molto vistosi bianchi e rosa con punte di viola.Tra la fine di maggio e settembre comincia la fioritura e con essa la raccolta dei bottoni floreali non ancora aperti. Devono essere raccolti in modo tempestivo, prima dell’alba e appena germogliati. Quelli di dimensioni minori divengono, dopo la maturazione, il prodotto migliore. Una volta raccolti vengono messi a maturare in salamoia in sale marino. La maturazione è un passaggio obbligato, allo stato fresco i capperi sono amari e di gusto sgradevole. I capperi messi a maturare nel sale marino (circa il 40% del loro peso) vi restano 10 giorni durante i quali vengono periodicamente rimescolati. Una volta scolati vengono posti nuovamente sotto sale (circa il 20% del loro peso) per altri 10 giorni. Alla fine di questo secondo passaggio sono pronti per essere consumati. I capperi di Pantelleria IGP sono rigorosamente conservati al sale marino.
  • In cucina: Sono gli ingredienti di molti piatti della cucina siciliana ad esempio la caponata di verdure chiamata sciakisciuka a Pantelleria o l’immancabile insalata pantesca. Di solito, per non perdere il loro aroma molto intenso non sono cotti, ma si aggiungono a fine cottura per essere solo leggermente scaldati. Tritati possono anche aromatizzare tartare di pesce, di carne o sughi di pomodoro.

Aceto della nonna

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto della nonna

Aceto della nonna

 

Ingredienti:

  • 1 bottiglia di vino.

Preparazione:

  • Esiste più di un metodo per ottenere del buon aceto, quello più semplice e veloce è sicuramente quello col recipiente di terracotta.
  • Prendete un recipiente di terracotta ben lavato e asciugato e versatevi una bottiglia di vino genuino, coprite con un telo piegato e lasciatelo all’incirca un mese affinché la trasformazione risulti completa.
  • Questo sistema è abbastanza efficace ma per avere un aceto a regola d’arte sarebbe ideale utilizzare il tinello, quel contenitore fatto con doghe di legno che una volta si trovava in tutte le case di campagna.
  • Oggi lo si può vedere appeso alla parete di una cucina come abbellimento e sicuramente dà il suo tocco di rustico, ma sarebbe meglio saperlo anche utilizzare in occasioni come questa.
  • Il procedimento è lo stesso del recipiente di terracotta ma il fatto è che con il legno il risultato è diverso.
  • Bisogna comunque sempre ricordare che: il liquido non deve mai arrivare al bordo ma deve rimanere sempre sotto di tre dita;
  • quando si toglie l’aceto per usarlo bisogna sempre ricordarsi di aggiungere dei fondi di vino nella stessa quantità; se il liquido comincia ad intorbidirsi bisogna filtrarlo;
  • il tinello non deve essere mai lasciato scoperto perché la polvere potrebbe danneggiare il processo di acetilizzazione;
  • se nel liquido si dovessero notare dei vermetti bisognerà farlo scaldare a 60-70 gradi per distruggerli.

 

Aceto casalingo

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto casalingo

Aceto casalingo

 

Ingredienti:

  • 100 cl di vino, 25 cl d’aceto di vino, 1 panino (mollica) (facoltativo).

Preparazione:

  • Usate un recipiente di terracotta non smaltata con vernici tossiche (capacità almeno 4 litri) o un bottalino di legno da 5 litri con rubinetto a spina.
  • Versate un litro di vino (attenzione: per un buon risultato la gradazione del vino dev’essere intorno ai 10 gradi) e un quarto di buon aceto di vino.
  • Chiudete il recipiente con un tappo di sughero, apritelo ogni giorno per 30 minuti.
  • Dopo due settimane si formerà la ‘madre’ dell’aceto della consistenza vischiosa e l’aceto sarà pronto per l’uso, aggiungete mano a mano altro vino per mantenere il livello costante.
  • Se usate  il bottalino, la prima volta lo dovrete prima lavare con acqua, poi con aceto scuotendolo bene, poi lo lascerete asciugare completamente.
  • Per facilitare la fermentazione,  potete aggiungere al vino pochi trucioli di legno di faggio o di abete, oppure la mollica di un panino (in quest’ultimo caso si dovrà poi filtrare l’aceto).
  • Vi consiglio  inoltre di levare l’aceto una volta l’anno, per ‘lavare’ la madre e (se ci sono) i trucioli.
  • Lavate  bene il recipiente, asciugatelo  e infine  rimettete dentro l’aceto passato attraverso un telo pulito, i trucioli e la ‘madre’ lavata nel vino.

 

Aceto rosè

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto rose

Aceto rose

 

Ingredienti:

  • 1 bottiglia di vino rosso, 10 cl di latte caldo.

Preparazione:

  • Prendete un recipiente di terracotta ben lavato e asciugato e versatevi una bottiglia di vino rosso genuino, coprite con un telo piegato e lasciatelo all’incirca un mese affinché la trasformazione risulti completa.
  • Una volta ottenuto l’aceto, per schiarirlo mettere il latte caldo nella bottiglia, agitarla e farla riposare 24 ore, quindi filtrare.

 

Aceto di vino bianco alle erbe

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto di vino bianco alle erbe

Aceto di vino bianco alle erbe

 

Ingredienti:

  • 1 litro di aceto di vino bianco, 1 spicchio d’aglio, ¼ di una piccola cipolla, 50 gr di cime di assenzio fiorite e disseccate, 15 gr di foglie di rosmarino, 15 gr di foglie di menta, 15 gr di foglie di salvia, 1 pizzico di cannella, 10 gr di fiori di lavanda secchi, qualche cima di timo, un pizzico di noce moscata grattata, 10 gr di cristalli di acido acetico.

Preparazione:

  • Pulite bene e asciugate con un foglio di carta da cucina le varie erbe, poi sistematele in infusione in un vaso di vetro a chiusura ermetica, ricoperte di aceto, e lasciatecele 10 giorni.
  • Il decimo giorno aggiungete l’aglio, la cipolla,l’acido acetico e le spezie.
  • Lasciate ancora riposare per altri 10 giorni, poi filtrate e trasferite l’aceto profumato nella bottiglia definitiva, che tapperete ermeticamente.
  • Se non trovate qualcuna delle erbe elencate, compratele secche dall’erborista, e così l’acido acetico.

Aceto al basilico

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto al basilico

Aceto al basilico

Ingredienti:

Aceto di vino di ottima qualità o vino bianco secco, foglie di basilico possibilmente ligure. Facoltativo: chiodi di garofano e soltanto la parte gialla di qualche scorza di limone.

Preparazione:

  • Scegliete una bottiglia da un litro con l’imboccatura larga, mettetevi le foglie di basilico fresco ben pulite; poi riempite fino al collo di aceto, e lasciate riposare per 10 giorni.
  • Se desiderate un aroma molto forte, filtrate questo aceto, gettate via le foglie di basilico macerate e riempite la bottiglia di foglie fresche.
  • Ricoprite ancora con l’aceto, e lasciate riposare per 14 giorni. Passato questo tempo, potrete filtrare l’aceto così pronto e tappate ermeticamente, ma anche lasciare le foglie, che si conserveranno per un periodo indefinito.
  • I francesi fanno questo aceto aggiungendo appunto 3 o 4 chiodi di garofano ed un paio di scorzette di limone all’aceto.
  • Si può anche eseguire l’operazione con del vino bianco secco: in questo caso l’essenza ricavata servirà per aromatizzare le minestre dell’inverno, le salse e gli stufati.

 

Aceto aromatico per pesci

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto aromatico per pesci

Aceto aromatico per pesci

 

Ingredienti:

  • 500ml d’aceto di vino, aglio, cerfoglio.

Preparazione:

  • Nella bottiglia contenente l’aceto inserite l’ aglio e il cerfoglio, puliti e asciutti.
  • Lasciateli macerare da 5 a 15 giorni secondo l’intensità di gusto desiderata, quindi filtrare l’aceto e condite il vostro pesce.

 

Aceto aromatico per marinate

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto aromatico per marinate

Aceto aromatico per marinate

 

Ingredienti:

  • 500 ml d’aceto di vino,bacche di ginepro.

Preparazione:

  • Nella bottiglia contenente l’aceto inserite le bacche di ginepro, pulite e asciutte.
  • Lasciate macerare da 5 a 15 giorni secondo l’intensità di gusto desiderata, quindi filtrare l’aceto e condite le vostre marinate.

 

Aceto aromatico per insalate delicate

novembre 15th, 2009 by admin
Aceto aromatico per insalate delicate

Aceto aromatico per insalate delicate

 

Ingredienti:

  • 500 ml d’aceto di vino, petali di rosa.

Preparazione:

  • Nella bottiglia contenente l’aceto inserite i petali di rosa puliti e asciutti.
  • Lasciateli macerare da 5 a 15 giorni secondo l’intensità di gusto desiderata, quindi filtrare l’aceto e condite le vostre insalate delicate.