Archivio per ‘Secondi di Pesce’ Categoria

Menù Secondi di Pesce

giugno 24th, 2016 by admin

 

 

  1.  Aguglie alla Palermitana  
  2. Baccalà agghiotta
  3. Baccalà con le olive
  4. Bastoncini di salmone fritti alle noci
  5. Braciole di pesce spada in tegame
  6. Calamari affucàti ( in umido )
  7. Calamari ripieni
  8. Capesante gratinate
  9. Capitone all’arancia
  10. Capone ( Lampuga ) al forno  
  11. Capone ( Lampuga ) fritto  
  12. Capone (lampuga) al forno con pomodori
  13. Cernia agghiotta ( in umido )
  14. Cernia in tegame
  15. Cernia lessa
  16. Cozze ripiene al sugo
  17. Cozze scoppiate  
  18. Fanfari panati ( pesci pilota panati)  
  19. Filetti di sgombro al forno
  20. Frittelle di neonata ( novellame )  
  21. Frittura di viole ( donzelle )  
  22. Gamberetti marinati
  23. Gamberi alla salvia con pancetta
  24. Gamberoni al forno
  25.  Insalata alla marinara  
  26. Involtini di pesce spada agli agrumi di sicilia
  27. Involtini di pesce spada alla Siciliana  
  28. Involtini di spatola al forno
  29. Involtini ri tunnina  frisca(di tonno fresco)
  30. Lattume di tonno al forno
  31.  Murena in zuppa  
  32. Pesce al sale
  33.  Pesce spada alla stemperata  
  34. Pesce spada agghiotta ( in umido)  
  35. Pesce spada al salmoriglio  
  36. Polpette di baccalà
  37. Polpette di sarde  
  38. Polpette di sarde al sugo  
  39. Polpette di tonno fritte
  40. Polpette ri tunnina frisca ( di tonno fresco)
  41. Polpettine di pesce spada
  42. Purpiceddi affucati (polpetti in umido)  
  43. Ricciola al cartoccio
  44. Ricciola al forno
  45. Sarde a beccafico  
  46. Sarde a linguata  
  47. Sarde farcite al forno  
  48. Sarde gratinate  
  49. Sarde marinate al forno
  50. Seppie in tegame
  51. Seppie ripiene
  52. Seppie stufate con le patate
  53. Sfinci ( frittelle) di baccalà
  54. Sgombri a ” linguata”
  55. Sgombri arrostiti  
  56. Spigola al forno
  57.  Tonno con zucchine alla menta  
  58. Tonno a ragù
  59. Tonno a sfincione
  60. Totani con patate della Pasticciona  
  61. Totani arrostiti  
  62. Totani ripieni al sugo  
  63. Tunnina ( Tonno ) con la cipollata  
  64. Tunnina ammuttunata  
  65. Tunnina (tonno) al forno
  66. Triglie al cartoccio
  67.  Triglie alla marinara  
  68. Vope ( Boghe ) fritte con la cipollata  
  69. Zuppa di cozziche e arcelle (Zuppa di cozze e vongole )  

Calamari affucàti ( in umido )

giugno 23rd, 2016 by admin

I Calamari affucati ( in umido ), è un gustoso secondo piatto che sa di mare, tipico della cucina siciliana, dal basso contenuto calorico ma dal sapore unico. Un piatto facile da preparare, che potete servire sia  come antipasto caldo per una cena a base di pesce che come secondo piatto, dai sapori semplici e genuini, che conquisterà tutti.

Calamari affucàti ( in umido )

Calamari affucàti ( in umido )

Calamari affucàti ( in umido )

Calamari affucàti ( in umido )

Calamari affucàti ( in umido )

Calamari affucàti ( in umido )

 

Ingredienti per 4 persone:

  •    800g di calamari già puliti, 1 ciuffo di prezzemolo, ½ bicchiere di vino bianco secco, 2 spicchi d’aglio,4 patate medie,10 pomodorini, una manciata di capperi sotto sale, 50g di olive verdi  ½ bicchiere d’olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Lavate con cura i calamari e asciugateli; tagliate ad anelli le sacche e spezzettate i tentacoli. Fate imbiondire un trito di aglio e prezzemolo ( se desiderate eliminare l’aglio, lasciatelo intero ) in una larga padella.
  • Aggiungete i calamari fate insaporire per circa 5 minuti poi, bagnate con il vino e lasciate evaporare.
  • Aggiungete le patate tagliate a tocchetti, i pomodorini tagliati a metà, le olive verdi snocciolate, i capperi dissalati.
  • Salate, pepate, incoperchiate la padella, cuocete su fiamma molto bassa, per circa 15-20 minuti, incorporando mezzo bicchiere d’acqua calda se il fondo tendesse a restringersi troppo.
  • Servite i calamari irrorando il piatto con un filo di olio a crudo e una spolverata di prezzemolo fresco tritato.
  • Note:
  • Per la buona riuscita del piatto è consigliabile preferire calamari freschissimi, piccoli perché sono teneri e gustosi.

 

Totani arrostiti

luglio 12th, 2015 by admin

I totani arrostiti è una ricetta semplice e genuina per le vostre grigliate di pesce. La freschezza del pesce è fondamentale per esaltare il risultato di questa gustosa ricetta. Un secondo che profuma di mare, adatto per tutta la famiglia e per organizzare delle gustose grigliate al barbecue tra amici, facendovi fare un figurone.

Totani arrostiti 1

Totani arrostiti

Totani arrostiti 2

Totani arrostiti

Totani arrostiti 3

Totani arrostiti

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 totani,1 ciuffo di prezzemolo ,1 ciuffo di origano fresco, 1 limone, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Svuotate i totani, estraendo la penna trasparente racchiusa nella sacca e le interiora; lavateli con cura e spellateli.
  • Cospargeteli di sale e arrostiteli sulla griglia ben calda, rigirandoli in modo che cuociano in modo uniforme.
  • Tritate il prezzemolo e l’origano fresco e trasferiteli in una salsiera; aggiungete mezzo bicchiere di olio extravergine d’oliva, il succo di limone, una spolverata di pepe e una di sale e amalgamate bene.
  • A fine cottura, irrorate i totani con l’emulsione preparata e servite.

Triglie al cartoccio

giugno 24th, 2015 by admin

Le triglie al cartoccio, un secondo piatto leggero e saporito. Una ricetta light, facile ma gustosa che vi farà fare una bella figura a tavola. Si può preparare in anticipo e mettere in forno una mezz’ora prima di mangiare.

Triglie al cartoccio

Triglie al cartoccio

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 grosse triglie, 1 spicchio d’aglio, 1 ciuffo di prezzemolo, 1 acciuga sotto sale, origano, 5 cucchiai d’olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Pulite le triglie; lavatele e asciugatele con cura. Dissalate l’acciuga; diliscatela e scioglietela in una ciotola con 3 cucchiai d’olio.
  • Aggiungete un trito di aglio e prezzemolo, una presa di origano e amalgamate con cura.
  • Distribuite il composto ottenuto nel ventre e nelle branchine delle triglie.
  • Adagiatele in 4 cartocci di alluminio, spennellateli d’olio; salatele e chiudete i fagottini. Infornate a 180°C per 15 minuti.
  • Note:
  • La  triglia è un pesce pregiato di colore rosa tendente al rosso, di stazza medio-piccola. Si distinguono triglie di scoglio e triglie di sabbia: le prime hanno polpa più pregiata anche se le seconde sono pur sempre pesci eccellenti. Le due varietà si riconoscono in quanto i fianchi della triglia di scoglio sono percorsi da strisce gialle longitudinali e il dorso è rosso più o meno scuro; quella di sabbia ha invece colore dorsale rosso tendente al rosato ed è priva delle linee longitudinali. Entrambe sono presenti praticamente tutto l’anno. Nel periodo estivo si pescano gli esemplari giovani che si avvicinano alla costa.
  • Acquisto: preferite le triglie di scoglio. I pesci devono avere squame ben aderenti e colore vivo, anche quello delle branchie. Gli occhi saranno ben convessi.
  • Impiego: le triglie vanno squamate con delicatezza perché sono molto fragili. Gli esemplari più piccoli si possono infarinare e friggere, oppure sfilettare e consumare crudi. Gli altri sono ottimi cotti in umudo o in zuppa. Occorre vigilare  però, perché la triglia troppo cotta si spezzetta, “seminando” di lische la preparazione. Per questo motivo, oltre a prestare  attenzione alla cottura, è preferibile unirle sfilettate.
  • Nota nutrizionale: la triglia contiene vitamina A ed è ricca di Sali minerali, tra i quali calcio, fosforo, magnesio e selenio. Inoltre è proteica.

Murena in zuppa

aprile 20th, 2014 by admin

La murena in zuppa è una vera succulenta delizia, facile da fare si prepara con pochi e semplici ingredienti: acqua, cipolla tritata grossolanamente, pomodori tagliati in piccoli pezzi, aglio, prezzemolo, olio d’oliva extravergine, sale e pepe. Piatto adatto per tutte le stagioni, ottimo caldo nella stagione fredda, tiepido per l’estate, accompagnato da croccanti crostini di pane tostati. Se vi avanza del sughetto potete utilizzarlo per condire un buon piatto di pasta.

Murena in zuppa

Murena in zuppa

Murena in zuppa 3

Murena in zuppa

Murena in zuppa

Murena in zuppa

Ingredienti per 4 persone:

  • 1kg di murena già pulita, 1 cipolla, 1 mazzetto di prezzemolo, 5 pomodori maturi, 2 spicchi di aglio, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione :

  • Lavate, spellate ed eviscerate la murena, eliminate la coda e tagliate il pesce a tocchetti di 6-7- centimetri.
  • Mettete i tocchetti di murena in un largo tegame, aggiungete la cipolla tritata grossolanamente, i pomodori tagliati in piccoli pezzi, l’aglio intero, il prezzemolo tritato, 2 cucchiai di olio d’oliva extravergine, sale, pepe.
  • Versate nel tegame tanta acqua quanto ne serve per coprire il tutto, fate cuocere a tegame coperto per 20 minuti.
  • Servite la zuppa calda accompagnata con crostini di pane tostati.

 

Triglie alla marinara

gennaio 17th, 2014 by admin

Triglie alla marinara sono una vera prelibatezza che non necessitano di grande esperienza in cucina, basta solo acquistare delle buone triglie fresche. La preparazione di questo piatto è davvero molto semplice ma, si ottiene un secondo piatto di pesce dal sapore unico. Le triglie con la loro salsa sono ottime accompagnate con fette di pane casereccio leggermente tostato.

Triglie alla marinara

Triglie alla marinara

Triglie alla marinara 5

Triglie alla marinara

Triglie alla marinara

Triglie alla marinara

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 grosse triglie,200g di pomodorini ( o pomodoro pelato), 1 ciuffo di prezzemolo, 2 spicchi d’aglio, 1 cipollina, 2 cucchiai di salsa di pomodoro, vino bianco, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Squamate ed eviscerata le triglie , lavatele sotto l’acqua corrente , poi mettetele a scolare .Fate soffriggere in una padella con 2 cucchiai di olio d’oliva, la cipolla tritata finissima, 2 spicchi d’aglio da togliere appena cominciano a dorarsi.
  • Versate la salsa di pomodoro, unite i pomodorini lavati e tagliati in piccoli pezzi, una spruzzata di vino bianco, una buona manciata di prezzemolo tritato, una presa di sale e una spolverata di pepe.
  • Fate cuocere per circa 15 minuti a fuoco basso ,poi, unite le triglie. Lasciate cuocere per circa 10 minuti, girando le triglie con molta delicatezza. Servite le triglie ben calde, cosparse di una manciata di foglioline di prezzemolo.
  • Note :
  • La  triglia è un pesce pregiato di colore rosa tendente al rosso, di stazza medio-piccola. Si distinguono triglie di scoglio e triglie di sabbia: le prime hanno polpa più pregiata anche se le seconde sono pur sempre pesci eccellenti. Le due varietà si riconoscono in quanto i fianchi della triglia di scoglio sono percorsi da strisce gialle longitudinali e il dorso è rosso più o meno scuro; quella di sabbia ha invece colore dorsale rosso tendente al rosato ed è priva delle linee longitudinali. Entrambe sono presenti praticamente tutto l’anno. Nel periodo estivo si pescano gli esemplari giovani che si avvicinano alla costa.
  • Acquisto: preferite le triglie di scoglio. I pesci devono avere squame ben aderenti e colore vivo, anche quello delle branchie. Gli occhi saranno ben convessi.
  • Impiego: le triglie vanno squamate con delicatezza perché sono molto fragili. Gli esemplari più piccoli si possono infarinare e friggere, oppure sfilettare e consumare crudi. Gli altri sono ottimi cotti in umudo o in zuppa. Occorre vigilare  però, perché la triglia troppo cotta si spezzetta, “seminando” di lische la preparazione. Per questo motivo, oltre a prestare  attenzione alla cottura, è preferibile unirle sfilettate.
  • Nota nutrizionale: la triglia contiene vitamina A ed è ricca di Sali minerali, tra i quali calcio, fosforo, magnesio e selenio. Inoltre è proteica.

Pesce spada alla stemperata

agosto 2nd, 2013 by admin

Pesce spada alla stemperata

Pesce spada alla stemperata

Pesce spada alla stemperata

Pesce spada alla stemperata

Pesce spada alla stemperata

Pesce spada alla stemperata

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di pesce spada, 150g di olive verdi, 1 carota, 1 cuore di sedano con le foglie, 1 cucchiaio di capperi, 1 cipolla, foglioline di menta, 1 dl d’olio extravergine d’oliva, ½ bicchiere d’aceto di vino bianco, 1 cucchiaio di zucchero, sale, pepe.

Preparazione:

  • Lavate il pesce e asciugatelo con carta da cucina. Scaldate 3 cucchiai d’olio in una padella e rosolate le fette, rigirandole quando saranno dorate da una parte; poi, sgocciolatele e tenetele in caldo.
  • Fate appassire la cipolla affettata, in una padella, con l’olio rimasto; aggiungete la carota a rondelle, i capperi, le olive snocciolate, il sedano tritato e la menta e lasciate brevemente insaporire.
  • Bagnate con mezzo bicchiere d’acqua e tenete sulla fiamma per qualche minuto. Appena il fondo si sarà ristretto, unite il pesce.
  • Salate, pepate, versate l’aceto zuccherato e fate evaporare, su fuoco moderato, a recipiente coperto.

Tonno con zucchine alla menta

giugno 7th, 2012 by admin

Tonno con zucchine alla menta

Tonno con zucchine alla menta

Tonno con zucchine alla menta

Tonno con zucchine alla menta

Tonno con zucchine alla menta

Tonno con zucchine alla menta

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di tonno a fette spesse, 500g di zucchine ( tipo genovesi ), 1 cipolla, 3 spicchi d’aglio, 1dl di vino bianco secco, 1 ciuffo di menta,2 fili di prezzemolo, 4-5 pomodori pelati, sale, pepe, olio extravergine d’oliva.

Preparazione:

  • Mettete il tonno a bagno, in acqua fredda e sale, per 30 minuti; sciacquatelo sgocciolatelo e tamponatelo con carta da cucina.
  • Tritate la cipolla, mettetela in una padella e fatela appassire con 4 cucchiai d’olio; aggiungete le zucchine, lavate, spuntate e tagliate a dadi, i pomodori pelati sminuzzati, un filo di prezzemolo tritato, una presa di sale e una spolverata di pepe e lasciate insaporire per 5 minuti.
  • Coprite a filo con acqua calda e portate a bollore. Scaldate 4 cucchiai d’olio in un’altra padella con un trito di aglio e menta; unite il tonno e rosolatelo bene.
  • Bagnate con il vino e fate evaporare; poi trasferite il pesce nella padella con la salsa e le zucchine.Incorporate 1 tazza d’acqua calda , regolate di sale e pepe e cuocete per 10 -15minuti. Servite il tonno alle zucchine caldo con una spolverata di prezzemolo tritato.
  • Note: Il tonno reperibile in Italia è a polpa rossa, conosciuto appunto come “tonno rosso” (esista anche una varietà a polpa bianca, considerata di maggior pregio, non presente nel Mediterraneo). Di notevoli dimensioni, viene venduto al taglio. I filetti dorsali sono magri, mentre la ventresca è la parte più grassa.
  • Acquisto: sceglierlo a polpa di un rosso intenso, ma non scuro, e che sia privo di eventuali riflessi color petrolio. Preferite il tonno rosso anche cosiddetto “pink” (proveniente dall’oceano Indiano) che in genere arriva sui banchi del mercato già filettato.
  • Impiego: utilizzare tagli dorsali per brevi cotture, per carpacci e tartare. Preferite la ventresca, che è più grassa, per cotture più prolungate, per esempio al forno, ma anche per la preparazione di sashimi. Il tonno si valorizza consumato crudo o cotto tipo roast-beef all’inglese, ossia mantenendo la parte interna cruda. Un tempo nei luoghi di pesca, le famiglie tagliavano il tonno pescato a pezzi, lo riponevano in vasi di vetro insieme con alloro o gli aromi preferiti, lo coprivano a filo di olio d’oliva e lo cuocevano a bagnomaria. Così preparato, si conserva in luogo fresco per almeno 4 o 5 giorni.
  • Nota nutrizionale: il tonno è ricco di omega 3, Sali minerali quali potassio e selenio, vitamina B12 e proteine. Occorre però ricordare che, come altri grandi pesci predatori, può contenere elevati livelli di mercurio, metallo pesante tossico.

Insalata alla marinara

aprile 10th, 2012 by admin

Insalata alla marinara

Insalata alla marinara

Insalata alla marinara 11

Insalata alla marinara

Insalata alla marinara

Insalata alla marinara

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 polpo,1kg di cozze, 500g di totani, 1 mazzetto di prezzemolo, 2 limoni, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione:

  • Pulite il polipo e i totani ,e fateli lessare in acqua salata per 10 minuti circa.
  • Scolateli e lasciateli raffreddare,poi tagliateli a piccoli pezzi e metteteli in una capiente ciotola.
  • Lavate e spazzolate le cozze sotto l’acqua corrente, mettetele in un tegame e fatele aprire a fiamma viva, lasciatele raffreddare e poi sgusciatele e mettetele nella ciotola insieme al polpo e ai totani.
  • Condite il tutto con il prezzemolo tritato , emulsionato con mezzo bicchiere d’olio extravergine d’oliva il succo dei due limoni e una spolverata di pepe.

Mescolate l’insalata  e fate insaporire per una decina di minuti, prima di servire.

 

Pesce spada agghiotta ( in umido )

giugno 27th, 2011 by admin

Pesce spada agghiotta ( in umido )

Pesce spada agghiotta ( in umido )

Pesce spada agghiotta ( in umido )01

Pesce spada agghiotta ( in umido )

Pesce spada agghiotta ( in umido )

Pesce spada agghiotta ( in umido )

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 fette di pesce spada, 1 cipolla, 1 spicchio d’aglio, 250g di salsa di pelati, 150g di olive verdi snocciolate, 1 cucchiaio di capperi, 1 ciuffo di prezzemolo, olio extravergine d’oliva, 1 cuore di sedano con le foglie, farina, sale, pepe.

Preparazione:

  • Affettate finemente la cipolla e lasciatela appassire, in un tegame, con mezzo bicchiere d’olio e un trito di aglio, sedano e prezzemolo.
  • Aggiungete la salsa di pelati, i capperi, le olive a rondelle, una presa di sale e una spolverata di pepe fate cuocere, su fiamma moderata, per una decina di minuti;
  • versate mezza tazza d’acqua calda e portate a bollore. Lavate e spellate il pesce spada; asciugatelo con carta da cucina e adagiatelo nella casseruola.
  • Ricopritelo con qualche cucchiaiata di sugo e cuocete, a fuoco lento, per 20 minuti.
  • Note:
  • Il pesce spada è un pesce di grossa stazza, è caratterizzato dalla “ spada” dotata di bordi taglienti da cui mutua il nome, che altro non è se non il proseguimento della mascella superiore. Viene venduto al taglio, a fettine o a tranci, e la polpa può essere chiara tendente al biancastro o rosata. I pesci spada con polpa rosa sono i più pregiati.
  • Acquisto: accettarsi che il pesce in esposizione sia comprensivo di testa, diversamente potrebbe trattarsi di un pesce simile ma di minor pregio. La polpa non deve presentare striature rosse che denoterebbero poca freschezza.
  • Impiego: si presta alla preparazione di carpacci, di arrosti tipo roast-beef all’inglese, oppure può essere cucinato alla griglia. La cottura non deve essere prolungata, perché la polpa tende ad asciugare: appena accenna a secernere un liquido lattiginoso, togliere immediatamente dal fuoco.
  • Nota nutrizionale: ottima fonte proteica, apporta fosforo e il prezioso selenio, oltre che vitamine del gruppo B.