Posts Tagged ‘zucchero semolato’

Cestini di croccante al sesamo

agosto 8th, 2013 by admin

Cestini di croccante al sesamo 7

Cestini di croccante al sesamo

Cestini di croccante al sesamo 8

Cestini di croccante al sesamo

Cestini di croccante al sesamo 9

Cestini di croccante al sesamo

Ingredienti per 4 cestini:

  • 320g di semi di sesamo, 350g di zucchero semolato, 2-3 cucchiai d’acqua, il succo di mezzo limone,2 cucchiaini di glucosio.

Preparazione:

  • Tostate i semi di sesamo in una padella antiaderente per 2 minuti, spegnete e tenete da parte.
  • Preparate il caramello: mettete lo zucchero in un tegamino, unite l’acqua, il succo di limone e 1 cucchiaino di glucosio.
  • Mettete sul fuoco e portate a ebollizione, fino a che non sarà caramellato, mescolando spesso.
  • Unitele i semi di sesamo che avete tostato precedentemente , amalgamate bene i semi allo sciroppo, fate cuocere per 1 minuto, sempre mescolando con un cucchiaio di legno.
  • Mettete sul piano da lavoro un quadrato un foglio di carta da forno, e rovesciate un quarto del caramello, coprite con un altro foglio di carta da forno, lasciate intiepidire per 1 minuto, poi, con l’aiuto di un matterello stendete il croccante cercando di dare una forma rotondeggiante,  posatelo su una ciotola rovesciata e con l’aiuto di uno strofinaccio( per non bruciarvi) cercate di modellare il cestino facendolo aderire alla ciotola stringendolo leggermente .
  • Lasciate raffreddare e poi con molta delicatezza togliete la carta .
  • Proseguite velocemente allo stesso modo per gli altri 3 cestini, il caramello non deve raffreddare, prima di essere modellato.

Pan biscotto

aprile 7th, 2011 by admin

Pan biscotto 9

Pan biscotto

Pan biscotto 8

Pan biscotto

Pan biscotto

Pan biscotto

Ingredienti per 6 persone:

  • 4 uova, 150g di farina, 150g di zucchero semolato,  un pizzico di sale, 1 cucchiaino di miele.

Preparazione:

  • Sgusciate le uova; lavorate a neve gli albumi con una presa di sale e montate i tuorli con lo zucchero e il miele. Setacciate la farina e aggiungetela, poco per volta, ai tuorli.
  • Quando il composto sarà omogeneo, incorporate gli albumi e stendete l’impasto in una teglia, foderata di carta da forno, ad uno spessore di 2-3 millimetri.
  • Infornate a 200°C per 7-8 minuti; poi, estraete il pan biscotto dalla teglia con tutta la carta forno e mettetelo su di un  piano da lavoro,cospargete tutta la superficie con dello zucchero semolato, poi copritelo e sigillatelo con pellicola per alimenti  , ripiegandola anche sotto i bordi in modo che il pan  biscotto, raffreddandosi, trattenga al suo interno tutta l’umidità che servirà a renderlo elastico ed arrotolarsi senza rompersi.
  • Appena  il pan biscotto sarà freddo, togliete la pellicola e la carta forno  quindi,  farcitelo con la crema che desiderate, livellate bene la superficie e arrotolate la pasta.
  • Avvolgetela in pellicola trasparente e ponete in frigo per 2 ore. Trascorso il tempo necessario, eliminate la pellicola , trasferitelo su un piatto da portata e finite di farcire e decorare il rotolo.
  • Rimettetelo in frigo fino al momento di servirlo.
  • Al momento di servirlo, tagliate con un coltello affilato le due estremità per pareggiarle e servitelo tagliandolo a fette spesse almeno 2 cm.

Sorbetto di clementine

giugno 20th, 2010 by admin

 

Ingredienti per 4 persone:

  • 3dl di succo di clementine, 5og di zucchero semolato, 1 limone, 1 albume.

Preparazione:

  • Lavate e asciugate le clementine; dopo, spremetene il succo. Sciogliete lo zucchero in 2dl d’acqua; aggiungete un pezzetto di scorza di limone ( solo la parte gialla) e portete a bollore.
  • Lasciate, quindi, sobollire lo sciroppo per 2-3 minuti; poi, spegnete la fiamma, eliminate la scorza e fate reffreddare. Incorporate il succo filtrato degli agrumi e lavorate il composto con le fruste elettriche per un paio di minuti; ponete il preparato in freezer per 30 minuti.
  • Lavorate l’albume con la frusta fino a quando sarà ben montato. A questo punto, amalgamatelo al sorbetto solidificato e battete tutto con le fruste, ripetendo per un paio di volte l’operazione ogni mezz’ora.
  • Fate, infine, rapprendere in freezer, prima di servire.

 

Uva sciroppata

aprile 27th, 2010 by admin

Uva sciroppata

Uva sciroppata

Uva sciroppata

Uva sciroppata

Uva sciroppata

Uva sciroppata

Ingredienti:

  • 3,5 di uva bianca o nera, 1 limone, 900g di zucchero semolato, 1,5 d’acqua.

Preparazione:

  • Lavate i grappoli d’uva. Tagliate dal raspo gli acini lasciando 2 cm di picciolo.Stendete gli acini al sole su un telo per asciugarli.
  • Preparate lo sciroppo: fate bollire l’acqua con lo zucchero e la scorza di limone per 2 minuti, poi lasciate raffreddare.
  • Sistemate gli acini nei vasi a chiusura ermetica, sterilizzate per 20 minuti , lasciate raffreddare, poi sistemateli in dispensa.
  • Note:
  • L’uva è uno dei frutti più importanti non solo per il valore gastronomico e nutrizionale, ma anche in quanto dal suo succo prende vita il vino. Vi sono numerose varietà che differiscono per la forma dei grappoli e per il colore degli acini. Le uve che in genere si consumano sono le cosiddette uve da tavola, caratterizzate da acino grosso, buccia sottile e in genere pochi vinaccioli.
  • Acquisto: scegliete grappoli uniformemente maturi con acini distanziati: sono meglio conservabili, in quanto se gli acini si schiacciano fra loro trattengono l’umidità è tendono ad ammuffire. La presenza della pruina, la patina cerosa che ricopre parzialmente i chicchi, è garanzia di freschezza. Il graspo del grappolo deve essere verde senza cenni di lignificazione.
  • Impiego: l’uva si consuma al naturale, meglio prima dei pasti. Infatti, come tutta la frutta, a stomaco vuoto viene meglio assimilata, diversamente ha tempo di fermentare. Si utilizza anche nella preparazione di confetture e di alcuni piatti salati come carni, ma tale impiego non è tradizione italiana. Il suo succo costituisce una bevanda gradevole e dissetante.
  • Nota nutrizionale: l’uva contiene vitamine A, B, B2, PP e C, Sali minerali tra i quali manganese, calcio, magnesio, sodio e potassio. Le uve nere sono più ricche di polifenolo antiossidante, il resveratrolo, che si ritiene abbia proprietà antitumorali. Ed è sempre l’uva nera, meglio se da vino, la più efficace per contrastare il colesterolo e per svolgere un’azione antinfiammatoria e diuretica. Inoltre, l’uva andrebbe consumata con parte dei vinaccioli in quanto ricchi di fibra, di tannini (antiossidanti, abbassano la pressione sanguigna) e di acidi grassi polinsaturi.

Prugne sciroppate

aprile 27th, 2010 by admin

Ingredienti:

  • 2kg di prugne intere e sode, 400g di zucchero semolato, 1 limone.

Preparazione:

  • Pulite le prugne e punzecchiatele con un ago in due o tre parti.Mettetele in un vaso intervallandole con lo zucchero e il succo del limone.
  • Chiudete ermeticamente i vasi, sterilizzateli per 30 minuti, lasciateli raffreddare, poi disponeteli in dispensa e degustate entro un anno.
  • Note: Prugna o susina
  • Sono frutti tondi o ovalati con polpa dolce, succosa, spesso filamentosa e nocciolo a mandorla. Ne esistono numerose varietà.
  • Le più diffuse sono: California blu, di forma tonda e colore blu violaceo; florentina, di forma sferica o a cuore e colore giallo venato di rosso; regina claudia, tonda di colore verde che a piena maturazione diventa giallo, con polpa molto succosa e zuccherina, di grande piacevolezza; sugar, con polpa molto dolce e adatta all’essiccamento. Sono tutte prugne estive, mature a luglio e presenti sul mercato anche in agosto.
  • Acquisto: il frutto deve essere morbido, ossia né molle né duro: nel primo caso sarebbe troppo maturo e nel secondo ancora acerbo.
  • Impiego: si consuma al naturale, ma anche cotta in composte. Si abbina a carni in umido o come ripieno di alcuni arrosti, fresca o essiccata. È presente in pasticceria per la preparazione di torte e budini.
  • Nota nutrizionale: contiene vitamina A e Sali minerali, in particolare potassio. È un frutto antiossidante e pertanto antagonista dei radicali liberi. Ha proprietà disintossicanti, diuretiche e lassative.

Pasta per biscotti

gennaio 26th, 2010 by admin

Ingredienti:

  • 200g di farina, 200g di zucchero semolato, 6 uova, 100g di burro fuso, aroma a piacere.

Preparazione:

  • Dividete gli albumi dai tuorli e con una frusta lavorate metà zucchero con i tuorli e metà con gli albumi così da ottenere con i primi una spuma soffice e con i secondi il classico composto a neve, ben sodo;
  • amalgamate delicatamente le due miscele mescolando con un cucchiaio di legno dall’alto in basso e incorporate l’aroma scelto ( vanillina, zenzero, acqua di fior d’arancio, anice ) e la farina.
  • Unite il burro fuso e, sempre delicatamente, lavorate l’impasto per renderlo del tutto omogeneo.
  • Modellate i biscotti utilizzando la tasca da pasticcere, poi cuocete in forno su placche unte e appena infarinate.

Confettura di more

dicembre 17th, 2009 by admin

More

More

Confettura di more

Confettura di more

Ingredienti:

  • 1 kg. di more, un limone, gr.500 di zucchero semolato.

Preparazione:

  • Lavate le more e mettetele in una casseruola, aggiungete il succo del limone e mescolate il tutto, cospargete ancora con lo zucchero e lasciate riposare il tutto per 24 ore.
  • Trascorso questo tempo, mettete il composto sul fuoco e fatelo cuocere a fuoco lento fino a raggiungere una certa consistenza.
  • Fate la prova del piattino, se sarà positiva versate nei vasetti caldi, chiudete ermeticamente, sterilizzate, lasciate raffreddare e conservateli.
  • Per vedere se la confettura è pronta, fate la prova del piattino che consiste nel far cadere da un cucchiaino su un piatto asciutto un poco del composto che state preparando; se la confettura si attacca al piattino e non scorre su di esso ciò vuol dire che è già pronta.

Confettura di albicocche

dicembre 17th, 2009 by admin

Confettura di albicocche

Confettura di albicocche

Confettura di albicocche

Confettura di albicocche

Confettura di albicocche

Confettura di albicocche

 

 Ingredienti:

  • 1 kg. di albicocche, gr.3oo di zucchero semolato,gr. 300 di acqua.

Preparazione:

  • Lavate le albicocche, asciugatele bene all’aria e tagliatele a metà togliendo il nocciolo. In una casseruola mettete lo zucchero con tre bicchieri di acqua, cuocete fino a quando lo zucchero sarà ben sciolto.
  • Unite a questo punto le albicocche e fate cuocere fino a quando saranno diventate morbide.
  • Togliete la confettura dal fuoco e versatela nei vasetti caldi, chiudete ermeticamente e sterilizzate, lasciate raffreddare e conservate.

Marmellata di petali di rose

dicembre 16th, 2009 by admin

Marmellata di petali di rose

Marmellata di petali di rose

 

Ingredienti:

  • 200 gr. di petali di rosa, 500 gr. di zucchero semolato, 600 ml d’acqua , il succo di 1/2 limone.

Preparazione:

  • lavate i petali e triturateli grossolanamente con l’aiuto della mezzaluna e mescolateli con 200 g di zucchero e il succo di limone. Fate scaldare l’acqua con il resto dello zucchero e con l’impasto di rose.
  • Fate bollire fino a quando la marmellata si è gelificata. Togliete subito dal fuoco e fate raffreddare per circa 10 minuti e, se ce ne fosse bisogno, schiumate ancora con la schiumarola prima di versarla nei vasi tiepidi e perfettamente puliti.
  • Chiudeteli subito con la marmellata ancora calda e conservate in luogo asciutto e buio fino al momento dell’uso.

Marmellata di pesche

dicembre 16th, 2009 by admin

Marmellata di pesche

Marmellata di pesche

Ingredienti:

  • 1 Kg. di snocciolate (peso netto), 300 gr. di di zucchero semolato, 1 limone non trattato, 1 decilitro di acqua.

Preparazione:

  • Lavate e asciugate le pesche, pelatele, tagliatele in quattro asportando il nocciolo, affettate finemente il limone e mettetelo in una casseruola con lo zucchero e aggiungete un decilitro di acqua.
  • Mettete sul fuoco rimestando in continuazione con un cucchiaio di legno per evitare che attacchi sul fondo. Il tempo di cottura e’ di circa 35 minuti, dipende dal grado di maturazione dei frutti e del contenuto di acqua.
  • Note: A fine cottura, distribuite la confettura nei vasetti di vetro caldissimi e chiudete subito, rovesciate il vasetto per formare il sottovuoto.