Piselli al naturale

Ingredienti

piselli freschi, bicarbonato di sodio, sale.

Preparazione

Sgranate i piselli e suddivideteli secondo grossezza. Tuffateli in acqua bollente un po’ salata e lessateli per 3-4 minuti, secondo la grossezza, facendo in modo che restino al dente.

Scolateli e passateli sotto acqua fredda per fermare la cottura. Allargateli su un canovaccio per fateli asciugare.

Distribuiteli nei vasi e fate bollire per 5 minuti acqua e bicarbonato (4 grammi per litro); il bicarbonato li farà restare verdi.

Lasciate raffreddare l’acqua e con essa coprite i piselli. Chiudete i vasi e sterilizzate per 45 minuti se sono da mezzo litro, per un’ora se sono da litro.

Lasciate raffreddare nel liquido di sterilizzazione e conservate in un luogo buio, fresco e asciutto.

Il periodo di preparazione è in primavera, mentre il consumo potrà avvenire dopo 40 giorni. Al momento dell’uso, è sufficiente sciacquare i piselli e procedere con la ricetta.

Note: 

La varietà di questo legume sono sostanzialmente due: da sgranare e mangiatutto o taccole. La prima categoria comprende i piselli da mangiare freschi, da essiccare e da destinare all’industria alimentare (surgelati o inscatolati).

I piselli sopportano il gelo, ma non la siccità; questa caratteristica spiega perché, mentre nel Nord la coltivazione avviene nel periodo primaverile-estivo, nel Sud è effettuata fra l’autunno e la primavera.

Il prodotto da consumo fresco viene raccolto man mano che matura. In base alla forma del seme si riconoscono piselli a seme tondo o allungato. Vi sono inoltre le varietà nane, con seme tondo liscio o rugoso.

Acquisto:

I baccelli devono essere turgidi, pieni, di colore verde vivo, in genere chiaro. Si presentano di dimensione secondo la varietà e posseggono baccello ben teso.

Impiego:

Si possono bollire in acqua leggermente salata per una decina di minuti (anche meno se si tratta di produzione novella) e poi insaporire nel burro o in altro condimento, come contorno di carne e pesce, oppure in umido bagnandoli con brodo o pomodoro.

Si impiegano anche in minestre primaverili con verdure di stagione come cipollotti e patate novelle, oppure in piatti regionali come risi e bisi. Per la preparazione di creme meglio utilizzare piselli essiccati, che sono farinosi.

Nota nutrizionale:

Ipiselli sono piuttosto ricchi di carboidrati, soprattutto quelli ben maturi, e hanno quindi un buon valore calorico.

Contengono inoltre proteine, fibre e Sali minerali, in particolare potassio, fosforo, magnesio, calcio e ferro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *