Tiramisù al limoncello

Un dolce al cucchiao raffinato, adatto a concludere un pasto anche formale, ottimo da servire in un’occasione speciale.
Il tiramisù al limoncello  ha una base di soffice Pan di Spagna, inzuppato in una bagna di acqua e limoncello. La farcia invece è costituita da mascarpone e panna, il tutto aromatizzato con lo stesso liquore al limone. Infine decorato con fettine di limone, scorzetta di limone a fili, amaretti sbriciolati e poca cannella in polvere.

Ingredienti
1 pan di spagna medio, 250 gr. di mascarpone, 3 uova medie, 120 gr. di zucchero semolato, 150 gr. di panna montata, 1 dl di acqua, 1 bicchierino di limoncello, amaretti sbriciolati q.b.

Preparazione

Montate lo zucchero con i tuorli. Aggiungete il mascarpone e la panna, poi gli albumi montate a neve ed infine il bicchierino di limoncello.

Disponete il pan di Spagna tagliato a fette sul fondo di una pirofila da frigo. Bagnatelo con l’acqua e il limoncello.

Cospargete il pan di Spagna con una sbriciolata di amaretti.Versate la crema precedentemente preparata quindi ripetete l’operazione andando a creare un secondo strato.

Concludete decorando con fettine di limone, scorzetta di limone a fili, amaretti sbriciolati e poca cannella in polvere.

Riponete il tiramisù in frigo per almeno due ore prima di servirlo.

Prima di servire il tiramisù lasciatelo qualche minuto fuori dal frigo a temperatura ambiente.

Note

Il limoncello (o limoncino) è un liquore dolce ottenuto dalla macerazione in alcol etilico delle scorze del limone ed eventualmente di altri agrumi, miscelata in seguito con uno sciroppo di acqua e zucchero.

Generalmente, si utilizza per l’infusione alcol etilico a gradazione di almeno 90%, in cui vengono macerate le scorze (solo la parte gialla) di dieci grossi limoni per ogni litro di alcol.

Il periodo di macerazione varia a seconda delle ricette ma mediamente si aggira sui venti giorni, dopodiché viene aggiunto lo sciroppo, in cui le porzioni sono sommariamente di 600-700 grammi di zucchero per litro d’acqua.

Il liquore viene quindi filtrato e imbottigliato. Mediamente dopo almeno un mese di maturazione (ma per certe ricette la durata è molto minore) in bottiglia, divieneil classico liquore di colore giallo, particolarmente adatto da gustare come digestivo dopo i pasti.

La buccia di colore giallo citrino, ottenuta dai migliori limoni di forma ellittica, simmetrica e di dimensioni medio-grandi, è l’ingrediente principale del limoncello contenente oli essenziali che conferiscono al liquore un aroma molto deciso nonché un gusto molto forte.

Secondo la tradizione il limoncello nasce agli inizi del Novecento e la sua paternità viene contesa tra sorrentini, amalfitani e capresi: molto rinomato infatti è quello prodotto in Campania utilizzando il limone di Sorrento (il “femminello”) o lo sfusato amalfitano IGP, nonché quello di Procida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *