Maccheroni alla boscaiola

I maccheroni alla boscaiola, una ricetta facile e veloce per preparare un primo piatto buonissimo. Ingredienti diversi che amalgamati tra loro danno origine ad un piatto gustoso e aromatico.

Ingredienti per 4 persone

400gr di maccheroni (o bucatini), 300gr di funghi champignon, 1 melanzana, 1 spicchio d’aglio, 500gr di pomodori pelati, 1 cipolla, 50g di ricotta salata, olio extravergine d’oliva, sale, peperoncino, olio di semi di girasole.

Preparazione

Lavate la melanzana; spuntatela e tagliatela a dadini. Cospargetela di sale e ponetela in uno scolapasta a perdere il liquido di vegetazione; poi, friggetela in abbondante olio caldo.

Tritate finemente la cipolla e lasciatela appassire in un tegame con 4 cucchiai d’olio. Aggiungete il pomodoro spezzettato, una presa di sale e un pizzico di peperoncino e fate addensare per una decina di minuti.

Pulite bene i funghi e tagliateli a pezzetti; poi, saltateli in padella con l’aglio e 3 cucchiai d’olio.

Riunite, quindi, i funghi e i dadini di melanzane nella casseruola con il sugo e proseguite la cottura per altri 10 minuti.

Lessate i maccheroni in abbondante acqua salata con l’aggiunta di 1 cucchiaio d’olio; scolatela al dente e conditela con l’intingolo preparato. Cospargete con la ricotta grattugiata e servite.

Note

Il prataiolo detto champignon (che in francese significa genericamente fungo) o, più propriamente, champignon de Paris (fungo di Parigi).

Presenta gambo cilindrico non bombato e cappello a cupola. Di piccole dimensioni, ha colore biancastro o nocciola (cremino) ed è il più diffuso.

I funghi si puliscono con un panno inumidito, eliminando con un coltellino eventuali residui terrosi.

Se necessario, si passano velocemente in poca acqua tiepida e si asciugano immediatamente.

Acquisto: i funghi all’atto dell’acquisto devono essere sodi, integri, esenti da forellini e al tatto risultare morbidi, ma non molli. Inoltre devono essere intensamente profumati. I funghi coltivati sono in genere commercializzati in confezioni con riportata la data entro cui consumarli. Di fatto possono rimanere in frigorifero anche quattro giorni, cominciando però un processo di disidratazione.

Nota nutrizionale: danno un trascurabile apporto calorico e sono ricchi di Sali minerali quali potassio, fosforo e selenio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *