Spiedini di cappelle di funghi e pomodorini

Gli spiedini di cappelle di funghi e pomodorini, piatto facile da realizzare. Ottimo antipasto e sfizioso contorno per accompagnare secondi di carne o di pesce.

Spiedini di cappelle di funghi e pomodorini
Spiedini di cappelle di funghi e pomodorini

Spiedini di cappelle di funghi e pomodorini

Spiedini di cappelle di funghi e pomodorini
Spiedini di cappelle di funghi e pomodorini

Ingredienti per 4 persone

24 funghi champignon (solo le cappelle), 24 pomodorini, olio extravergine d’oliva, sale, origano.

Preparazione

Pulite i funghi, dopo avere eliminato i gambi (che potete utilizzare per altre preparazioni).

Lavate i pomodorini e metteteli a scolare.

Ora prendete 8 spiedi di legno, e infilzate per ogni spiedo 3 pomodorini e 3 funghi alternandoli.

Mettete sul fuoco una piastra di ghisa, unta con un po’ d’olio, appena comincia a essere calda mettete gli spiedini e, con l’aiuto di un pennello da cucina ungeteli leggermente.

Cuoceteli per circa 5 minuti, rigirandoli prima da un lato e poi dall’altro.

Appena saranno cotti conditeli con del sale, un filo di olio extravergine d’oliva e una spolverata di origano.

Disponete gli spiedini su un piatto da portata e serviteli caldi.

Note:

Il prataiolo detto champignon (che in francese significa genericamente fungo) o, più propriamente, champignon de Paris (fungo di Parigi).

Presenta gambo cilindrico non bombato e cappello a cupola. Di piccole dimensioni, ha colore biancastro o nocciola (cremino) ed è il più diffuso.

Impiego:

I funghi si puliscono con un panno inumidito, eliminando con un coltellino eventuali residui terrosi.

Se necessario, si passano velocemente in poca acqua tiepida e si asciugano immediatamente.
Acquisto:

i funghi all’atto dell’acquisto devono essere sodi, integri, esenti da forellini e al tatto risultare morbidi, ma non molli. Inoltre devono essere intensamente profumati.

I funghi coltivati sono in genere commercializzati in confezioni con riportata la data entro cui consumarli. Di fatto possono rimanere in frigorifero anche quattro giorni, cominciando però un processo di disidratazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *