Cucunci sott’aceto

I cucunci, sono i frutti del cappero e si raccolgono nel mese di agosto. Appena raccolti, vanno lavati asciugati all’aria e, messi in un contenitore coperti di sale grosso marino per 8-10 giorni, affinchè perdano buona parte della loro acqua di vegetazione interna ed il sapore amaro. Dopo la salagione, si sciacquano e si conservano in barattoli dove si versa una miscela di aceto di vino bianco e acqua e chiodi di garofano. Passati 30 giorni i cucunci sono pronti per essere gustati, ottimi per insaporire insalate, secondi di carne, focacce e per accompagnamento degli aperitivi.

Cucunci sott’aceto
Cucunci sott’aceto

Cucunci sott’aceto

Cucunci sott’aceto
Cucunci sott’aceto

Ingredienti

200gr di cucunci freschi appena raccolti, 200gr di sale grosso marino, 200ml di acqua, 200ml di aceto di vino bianco, 5-6 chiodi di garofano.

Preparazione

Lavate i cucunci sotto l’acqua corrente, sgocciolateli e, asciugateli delicatamente con un canovaccio pulito.

Accorciate con le forbici, i gambi troppo lunghi dei cucunci.

Preparate un contenitore (possibilmente in vetro) e, mettete sul fondo del sale grosso marino, poi, ponete uno strato di cucunci.

Sopra il primo strato, aggiungete dell’altro sale e proseguite a strati, uno di sale e uno di cucunci.

Terminate con un ultimo stato di sale, affinché perdano la loro umidità interna ed il sapore amaro.

Ogni giorno, abbiate cura di svuotare il contenitore dal liquido formatosi: dovranno restare sotto sale almeno 8/10 giorni.

Quando al’interno del contenitore non si formerà più liquido, i cucunci sono pronti per essere conservati sott’aceto.

Versate in una casseruola 200ml di acqua e 200ml di aceto di vino bianco, portate sul fuoco e, appena la soluzione raggiungerà il bollore levate dal fuoco e lasciate intiepidire.

Nel frattempo, levate i cucunci dal sale, lavateli più volte in acqua corrente per eliminare tracce di sale e metteteli a scolare in uno scolapasta.

Sistemate i cucunci in un barattolo che possa contenerli comodamente, versate la soluzione di acqua e aceto (ormai tiepida), prima di chiudere il barattolo aggiungete qualche chiodo di garofano.

Etichettate il vaso con il nome e la data di preparazione, riponete la conserva in dispensa, al buio, per almeno 30 giorni, prima di consumarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *