Risotto alle noci

noci
noci

Ingredienti per 4 persone

350gr di riso, 100gr di gherigli di noci, 200gr di polpa di pomodoro, 1 spicchio d’aglio, un ciuffo di prezzemolo, 2 cucchiai di vino bianco secco, 8 dl di brodo, caciocavallo (o parmigiano) grattugiato, burro, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Preparazione

Fate insaporire un po’ d’olio con un trito d’aglio e prezzemolo, quindi versate il riso. Mescolate e, lasciate che il riso s’ insaporisca nel condimento.

Bagnate con un pò di vino e, non appena sarà evaporato unite la polpa di pomodoro, sale, pepe e metà del brodo caldo.

Cuocete il riso continuando a mescolare e unendo ancora brodo caldo quando il precedente sarà stato assorbito; a metà cottura unite le noci tritate.

Quando il riso sarà al dente, spegnete, condite con qualche fiocchetto di burro, un po’ di basilico e caciocavallo grattugiato.

Mescolate e lasciate insaporire per qualche attimo a pentola coperta prima di servire.

Note:

La noce è una drupa composta da un mallo carnoso che, quando il frutto è maturo, libera la noce vera e propria, costituita da due gusci che, quando il frutto è maturo, libera la noce vera e propria, costituita da due gusci che racchiudono il gheriglio. Possiede forma da tondeggiante a ovata. Il guscio è marrone chiaro, mentre il seme, ossia il gheriglio, è color crema; il sapore della noce fresca è amarognolo a causa della buccia che la ricopre, ma seccando si ingentilirà.

Le noci si raccolgono in autunno. Separate dal mallo, vengono lavate e sbiancate prima di essere commercializzate. Le noci si consumano fresche o secche.Tra le varietà merita di essere ricordata la noce di Sorrento, di forma ovale allungata, oppure tondeggiante. Ha guscio marrone, gheriglio di colore chiaro e consistenza compatta; il profumo è delicato e caratteristico e il sapore molto gradevole. Le dimensioni sono variabili, generalmente è medio-piccola.

Acquisto: controllare l’integrità del guscio.

Impiego: sgusciare la noce fresca ed eliminare la pellicina che ricopre il gheriglio: per facilitarne l’operazione sbollentate i gherigli in acqua per 2-3 minuti. Le noci secche, una volta sgusciate, sono pronte per il consumo. Sia fresche sia secche, si possono tritare, mescolare a grana grattugiato e burro e utilizzare per condire paste asciutte. Quelle secche sono la base della celebrata salsa ligure per condire i pasoti. Le noci trovano inoltre impiego nella produzione di crostate e croccanti; presenti nella piccola pasticceria, sono utilizzate anche in gelateria.

Nota nutrizionale: le noci sono vitaminiche, contengono infatti vitamine A,B1. B6, C e P. sono anche molto ricche di grassi polinsaturi che aiutano a combattere il colesterolo cattivo (LDL), di omega 3 e di antiossidanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *