Minestra di carciofi e piselli

La minestra di carciofi e piselli è un piatto tipico dalla cucina povera siciliana. Si tratta di una minestra contadina con pochi ingredienti semplici e genuini. Il formato della pasta dovrà essere rigorosamente corto, la tradizione siciliana impone gli spaghetti spezzati. La pasta viene cotta direttamente nel condimento come la pasta e fagioli; questo passaggio rende la minestra incredibilmente saporita, l’amido della pasta si “lega” al condimento rendendola buonissima! con tutti gli odori e i sapori perfettamente amalgamati fra loro. Non vi resta che provarla.

"<yoastmark

Minestra di carciofi e piselli

"<yoastmark

Ingredienti per 4 persone

300 gr. spaghetti spezzati,4 carciofi,200 gr. piselli,1 cipolla, olio d’oliva, caciocavallo grattugiato.

Preparazione

Spuntate i carciofi, lasciate qualche centimetro del loro gambo attaccato.

Tagliate i carciofi a metà, privateli dell’eventuale fieno e riduceteli a fettine sottili. Mettete i carciofi affettati in una ciotola con acqua e succo di limone.

Tritate finemente la cipolla, fatela dorare dolcemente in un tegame con 3-4 cucchiai di olio extravergine d’oliva.

Aggiungete i carciofi (fatti scolare precedentemente), lasciateli soffriggere per qualche minuto.

Unite i piselli ai carciofi, fateli insaporire per un minuto, mescolate e salate.

Aggiungete dell’acqua calda fino a coprire gli ingredienti, lasciate cuocere per circa 10-15 minuti.

Quando gli ingredienti saranno cotti, aggiungete la pasta. La tradizione siciliana esige gli spaghetti spezzati!

 Servite la minestra con un filo d’olio d’oliva a crudo e, se vi piace, del caciocavallo o parmigiano grattugiato. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *