Marmellata di ribes

Ingredienti:

  • 1kg di ribes, 400gr di zucchero semolato, liquore q.b.

Preparazione:

  • lavate e sgranate il ribes, passatelo al setaccio. Mettete la purea ottenuta in una casseruola, fatela cuocere a lungo fino a quando il composto diventa gelatinoso.
  • Aggiungete lo zucchero, mescolate, rimettete sul fuoco e cuocete fino a quando la prova del piattino sarà positiva.
  • Togliete la marmellata dal fuoco, versatela subito nei vasi caldi, capovolgete i vasetti e lasciateli in questa posizione per una decina di minuti, (in modo che si formi il sottovuoto), rimetteteli quindi in piedi.
  • Lasciate raffreddare i vasetti di marmellata, etichettateli e poi, riponeteli in dispensa.
  • Degustate la marmellata dopo 1 mese dalla preparazione.
  • Note: I ribes sono frutti ricchi di vitamine e oligoelementi, molto utili per la loro azione astringente, diuretica, depurativa e rinfrescante.
  • Comprende molte specie, ma quelle più diffuse in Europa sono il Ribes nigrum (ribes nero) e il Ribes rubrum (ribes rosso).
  • Il ribes cresce spontaneo, specialmente nell’Europa centrale e settentrionale. Il ribes rosso si differenzia dal ribes nero non solo per il colore, ma anche per il sapore, l’aroma e la destinazione dei frutti.
  • Proprietà e benefici dei ribes: I frutti del ribes, in particolare del ribes nero, sono ricchi di acido citrico, vitamina C, acido malico, flavonoidi, antociani, acidi polinsaturi e oligolementi. Grazie alla loro composizione hanno un’azione astringente, rinfrescante e protettiva nei confronti della retina, dei vasi e dei capillari. Hanno, inoltre, proprietà diuretiche e depurative. I frutti del ribes, come tutti i frutti rossi, grazie alle caratteristiche appena elencate sono utili in gravidanza per prevenire e alleviare gonfiori e pesantezza delle gambe.
  • Curiosità sui ribes: Anticamente si pensava che il Ribes nigrum, per il proprio colore, fosse in grado di scacciare gli “umori neri”; veniva infatti usato per allontanare la malinconia e contro pestilenze e febbre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *